La storia delle torri di Briosco. Trasportavano energia dal Lambro alla fabbrica sovrastante. Per chi vuole approfondire l’argomento l’appuntamento è per sabato pomeriggio alle 16.30.

La storia delle Torri del “Canatori”

L’appuntamento è per sabato alle 16.30 nel piazzale dietro il Bar Mimosa, in via Trieste a Briosco, proprio dove sorgeva il vecchio “Canatori” ( l’Incannatoio della Torcitura serica Meyer ). Qui Leopoldo Pozzi,  presidente del Gral (Gruppo ricerche archeostoriche del Lambro) di  Biassono e Antonio Redaelli,  disegnatore tecnico, sveleranno segreti e curiosità relativi alle Torri di Briosco che trasportavano energia dal fiume Lambro alla fabbrica sovrastante.

Le torri sono ancora oggi ben visibili e in un discreto stato di conservazione. Partendo dalla mostra “Lambro è energia”  – esposta fino a tutto il 2020 presso il Museo “Carlo Verri” di Biassono – verrà inoltre illustrato il rapporto tra il fiume e le prime attività industriali dell’Ottocento in Brianza. Un estratto brioschese della mostra verrà esposto per l’occasione nelle vetrine del negozio di mobili F.lli Candiani, in via Trieste, nell’edificio che ospitava un secolo e mezzo fa gli uffici della Torcitura serica Meyer.

Leggi anche:  Trent'anni fa cadeva il muro di Berlino: ciclo di incontri per riflettere

L’iniziativa è promossa da Gral, Museo civico di Biassono e Associazione culturale Brianze, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Briosco.

TORNA ALLA HOME