Un successo la Giubiana

La festa della Giubiana è stata organizzata dal Comune in collaborazione con alcune realtà territoriali. Tradizione vuole che l’evento si svolga l’ultimo giovedì di gennaio che, quest’anno, è coinciso con l’ultimo giorno del mese.
Dal cortile della biblioteca è partito il corteo diretto al centro sportivo in via San Cassiano, accompagnato dalle musiche dei Firlinfue. Arrivati davanti al grande falò con in cima la Giubiana, i bambini si sono divertiti a lanciare nella catasta di legna le piccole Giubiane realizzate a scuola con carta e stoffa, con l’aiuto dell’assessore Luigi Consonni, che ha spiegato loro anche le origini di questa festa.

Si rinnova la tradizione

«E’ una tradizione del mondo contadino – ha spiegato l’assessore Luigi Consonni – La cenere è un ottimo fertilizzante per i campi: così a gennaio venivano bruciate le stoppie come augurio per un nuovo anno più fruttifero. Da qui è nata l’usanza, l’ultimo giovedì del mese, di bruciare le cose vecchie».

Leggi anche:  Trezzo sull'Adda omaggia Alda Merini, la poetessa dei Navigli

Il servizio completo sul Giornale di Carate in edicola da domani martedì 5 febbraio 2019.