Tempo di lavori e di grandi pulizie a Villa Zendali, la storica dimora nobiliare all’interno dell’oratorio San Luigi di Vedano al Lambro.

La storica Villa Zendali nel circuito

Proprio in questi giorni i volontari, coordinati dal parroco don Eugenio Dalla Libera, stanno lavorando per sistemare la villa che è entrata ufficialmente a far parte del circuito artistico del Fai, il fondo ambientale italiano.

I prossimi 23 e 24 marzo, infatti, le porte della dimora saranno aperte ai visitatori che parteciperanno alla kermesse organizzata proprio dal Fai.

L’edificio, che fu luogo «di fuga» prediletto di re Umberto I d’Italia e della sua amante la duchessa vedanese Eugenia Litta e di cui sono andati persi gli arredi originali, è una delle tante dimore  gentilizie presenti sul territorio della Provincia di Monza e Brianza.

I volontari la stanno «tirando a lucido» proprio per renderla presentabile e per accogliere al meglio i visitatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA