Carlo Cottarelli al Liceo Marie Curie di Meda. Lunedì 1 aprile alle 21 incontro in Auditorium sul tema Europa tra rigore e sviluppo.

Carlo Cottarelli al Liceo Marie Curie di Meda

Dopo la tappa a Brugherio Carlo Cottarelli torna in Brianza, a Meda, dove sarà ospite, lunedì 1 aprile, del Liceo statale Marie Curie. L’incontro, alle 21, sarà l’occasione per parlare di “Europa tra rigore e sviluppo”, un tema che verrà affrontato da Cottarelli attraverso le domande poste dal Presidente delle Acli Milanesi Paolo Petracca.

All’intervista seguiranno le domande degli studenti del Liceo e del pubblico che desidera prendere parte alla serata.

L’obiettivo dell’incontro, sottolineano gli organizzatori del Circolo Acli di Meda in collaborazione con lo staff del Liceo, è quello di fare un po’ di chiarezza sui mali della nostra economia e dare qualche speranza alle giovani generazioni. L’evento è il secondo dei tre previsti dal progetto Europa 2019 presentato dai circoli Acli afferenti alla Zona Alta Brianza per la partecipazione al bando 5×1000 – 2016 “Animare le comunità”.

Leggi anche:  Maturità 2019: il Ministero pubblica modalità e date

La partecipazione è gratuita ma, per motivi strettamente organizzativi, è indispensabile registrarsi sul portale www.liceomeda.it

Carlo Cottarelli in breve

Carlo Cottarelli, lo ricordiamo, è laureato a Siena e alla London School of Economics. Pur lavorando a Washington dal 1988 quando entrò al Fondo Monetario Internazionale (FMI), dopo la Banca d’Italia e una breve esperienza all’Eni, ha sempre seguito con attenzione gli affari italiani.
Al FMI infatti è stato direttore del dipartimento Affari di bilancio dal 2008 e in questi anni più volte ha redatto e illustrato il Fiscal Monitor, ovvero il rapporto in cui si analizzano i bilanci pubblici delle principali economie.

Commissario straordinario per la revisione della spesa da ottobre 2013 a novembre 2014, è oggi direttore del nuovo Osservatorio dei conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano e Visiting Professor all’Università Bocconi.