Confartigianato, “Una manifestazione di proposta, non di protesta”. Oltre 1600 persone al MiCo

Il messaggio a sostegno della crescita del Paese

In otto anni gli investimenti pubblici sono crollati del 37%, sono stati persi 122 mila occupati mentre le infrastrutture italiani registrano un gap del 19,5% rispetto la media europea. Sono questi alcuni dei numeri più significativi diffusi nel corso della manifestazione “Quelli del Si” svoltasi giovedì al MiCo di Milano organizzata da Confartigianato.

Il presidente nazionale Giorgio Merletti ha rivendicato con orgoglio il peso dell’associazione: “Diamo voce a 4,4 milioni di piccole e micro imprese con 10,8 milioni di collaboratori; rappresentiamo il 65% degli occupati delle imprese italiane. Nell’ultimo anno le Pmi manifatturiere hanno esportato beni per 125,4 miliardi con un trend positivo del 3% Sono oltre un milione invece le piccole imprese con 3,6 milioni di addetti interessate allo sviluppo infrastrutturale. Dobbiamo recuperare i ritardi accumulati negli anni”.

Si a investimenti e sviluppo, Si all’Europa

Il quadro lombardo invece è stato tracciato dal presidente Eugenio Massetti, che guida pure Confartigianato Brescia: “Dico Si alla Pedemontana, un progetto iniziato 55 anni fa, modificato più volte, ma ancora opera incompiuta. Dico si anche alla Cremona-Mantova, al traforo del Mortirolo, al Terzo Valico che si inserisce nel corridoio europeo Genova-Rotterdam, il potenziamento dello scalo cargo di Malpensa”. I quasi 2.000 artigiani hanno detto Si a creare sviluppo e lavoro, Si a investimenti e sviluppo, Si a efficaci collegamenti nazionali, Si a reti e connessioni, Si a un mercato del lavoro che valorizzi merito e competenze, Si all’Europa con l’euro moneta comune, Si a una giustizia civile rapida ed efficiente. “La manifestazione di oggi è una grande dimostrazione di quanto il mondo della micro e piccola imprenditoria artigiana sia unito per sostenere la crescita dell’Italia e sia unito nel chiedere che si affermino le condizioni di sviluppo del Paese – afferma Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Per questo motivo, oggi, abbiamo lanciato il nostro messaggio, forte e chiaro.”

Leggi anche:  Il patronato Inca-Cgil arriva direttamente Incantiere