ENGIE Italia, player dell’energia e dei servizi guidata dall’obiettivo di essere leader della transizione a zero emissioni di CO2, e Brianza Energia Ambiente SpA, primo operatore nella Provincia di Monza e Brianza per la produzione di energia attraverso la termovalorizzazione dei rifiuti, hanno siglato un importante accordo di collaborazione tecnica che interesserà il servizio di teleriscaldamento in funzione a Cinisello Balsamo.

Engie Italia

A partire dal 2021, il 30% dell’energia distribuita da ENGIE agli abitanti di Cinisello Balsamo sarà prodotta, in ottica di economia circolare, dal termovalorizzatore di Desio, consentendo un’ulteriore riduzione delle emissioni (CO2 e NOx) di circa il 30% rispetto ad oggi. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento di 5 milioni di euro da parte delle due società e rappresenta un esempio di collaborazione virtuosa tra partner pubblico e privato in funzione di una maggiore tutela ambientale e di un ulteriore risparmio per gli utenti.

Il commento di Engie

“Ci siamo posti quale ambizione quella di accompagnare comunità e aziende nella transizione a zero emissioni di CO2. Questo accordo risponde pienamente ai nostri obiettivi. È un progetto che trasforma l’energia termica di scarto in una risorsa.” ha dichiarato Olivier Jacquier AD di ENGIE Italia. “E’ una soluzione su misura perché risponde alle esigenze del territorio ed è una soluzione avanzata in ambito teleriscaldamento perché permette un maggior contenimento delle emissioni. Questa partnership con gli operatori locali, elemento più importante, è a totale favore della comunità e della qualità della vita: grazie a questo accordo, il 30% dell’energia distribuita da ENGIE ai cittadini di Cinisello Balsamo sarà prodotta da fonte rinnovabile con un’ulteriore riduzione delle emissioni rispetto ad oggi”.

Le dichiarazioni di Brianza Energia Ambiente

Soddisfazione è stata espressa anche dalla presidente di Brianza Energia Ambiente SpA, Daniela Mazzuconi, che ha sottolineato l’importanza di questa collaborazione pubblico-privato: “La nostra collaborazione dimostra chiaramente come certi stereotipi negativi riguardanti le società pubbliche siano errati e fuorvianti. Errati e fuorvianti sono pure i pregiudizi che riguardano i termovalorizzatori, da cui proviene invece energia pulita come nel nostro caso, senza consumare fonti fossili e/o non rinnovabili. Da tempo noi ci occupiamo di teleriscaldamento con una rete che copre diversi comuni e il risparmio di CO2 è sotto gli occhi di tutti. Nel 2018 abbiamo risparmiato con l’attività della nostra azienda 32.000 tonnellate di anidride carbonica nel territorio servito. L’accordo siglato con ENGIE va nella medesima direzione e consente una serie di reciproci vantaggi, oltre all’ottimizzazione dei reciproci impianti”.

Il raccordo tra pochi mesi

I lavori per il raccordo tra le due reti inizieranno nel secondo semestre 2019, dureranno meno di un anno e comporteranno la realizzazione di un’interconnessione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. A partire dalla stagione termica 2021-22 il surplus della produzione termica di BEA potrà essere ceduto alla rete di Cinisello Balsamo; in questo modo ENGIE limiterà ulteriormente l’impatto sull’ambiente portando un beneficio significativo alle persone. Nel contempo, ENGIE modernizzerà la centrale di Cinisello Balsamo potenziando il sistema di
accumuli e creando una stazione di scambio capace di interconnettere le due reti coordinandone anche la produzione.

Leggi anche:  Scrittori in erba, ecco i vincitori del concorso letterario "Specialissimo sottotraccia"

Soddisfatto il sindaco

“Questo accordo tra pubblico e privato rappresenta un grande passo avanti verso la transizione a zero emissioni di CO2. Guardiamo con interesse e favore a iniziative come queste che si pongono a vantaggio del miglioramento della qualità dell’aria in città e quindi a beneficio dell’intera comunità. Occorre investire su fonti di energia alternativa che contribuiscono a diminuire le emissioni atmosferiche – ha commentato il sindaco Giacomo Ghirlardi -. Contemporaneamente stiamo lavorando alla revisione della Convenzione in essere dal 2008 siglata con Smec, oggi
acquisita da Engie, al fine di ridurre drasticamente anche il costo del teleriscaldamento a vantaggio delle migliaia di famiglie oggi collegate. L’atto dovrà essere approvato a breve dal Consiglio Comunale”.

La Regione plaude all’iniziativa

L’Assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, ha posto l’accento sull’importanza della sinergia con gli impianti di termovalorizzazione in vista di un teleriscaldamento sempre esteso e sempre più green: “Il 75% delle aree teleriscaldate in Italia – ha sottolineato l’Assessore – si trova sul territorio della Lombardia. Il Programma energetico ambientale riconosce l’opportunità di un’ulteriore estensione, possibilmente privilegiando il riutilizzo del calore di scarto, proveniente sia dai termovalorizzatori sia da impianti industriali. Le politiche di Regione Lombardia mettono al centro economia circolare e transizione energetica ed è per questo motivo che ritengo importante l’appuntamento di oggi per promuovere attraverso questa esperienza territoriale questi due importanti contenuti”.

Dati sull’impianto

Ad oggi la rete di teleriscaldamento ENGIE di Cinisello Balsamo serve 18.000 abitanti (per circa 50 GWh all’anno) e garantisce alla città una riduzione di oltre il 25% delle emissioni di agenti inquinanti (CO2 e NOx) rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali. Per quanto riguarda le politiche ambientali sul territorio di Cinisello Balsamo, si aggiunge anche la recente sottoscrizione da parte del Comune della Carta metropolitana sull’elettromobilità, che punta a promuovere l’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi ai motori a combustione, attraverso una serie di azioni che vanno dalla gratuità della sosta per i mezzi full-electric all’installazione di colonnine di ricarica in varie zone della città, all’introduzione di tecnologie intelligenti per la sosta e la mobilità.
ENGIE in Italia ha realizzato interventi di efficienza energetica in circa 10.000 edifici tra cui 3.500 scuole e 21 università. Opera in oltre 300 comuni e gestisce più di 450.000 punti luce, è terzo operatore nel teleriscaldamento e oggi in Italia gestisce 12 reti di teleriscaldamento di cui 5 in Lombardia. ENGIE offre a famiglie, condomini e PMI energia “100% verde”.