“I consumatori beffati da Mercatone Uno non devono essere dimenticati”. La denuncia dell’Associazione Codici. Il 31 ottobre scade il termine per presentare le domande di acquisto.

“I consumatori beffati da Mercatone Uno non devono essere dimenticati”

Una situazione difficilissima e complicata. È quella del fallimento di Mercatone Uno, la storica azienda che nel maggio scorso ha chiuso improvvisamente i battenti. Il 31 ottobre scade il termine per presentare le domande per l’acquisto parziale o totale dei negozi e dal Mise, in base a quanto comunicato dall’Associazione Codici, hanno fatto sapere che ai commissari sono arrivate 24 manifestazioni di interesse, di cui 11 hanno avuto accesso alle informazioni aziendali.

“Intanto la situazione è drammatica – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – il fallimento ha coinvolto oltre 1.800 lavoratori ed è comprensibile che gli sforzi principali siano concentrati sul tentativo di tutelarli nel miglior modo possibile, considerando i sacrifici che stanno facendo ormai da mesi. Come associazione dei consumatori non possiamo però non richiamare l’attenzione anche sulle altre vittime del fallimento di Mercatone Uno, ovvero i clienti.

Ci sono quasi 20.000 consumatori che hanno acquistato un prodotto, pagando un acconto o l’intera somma: alcuni di loro non hanno mai ricevuto la merce, altri sono stati più fortunati, ma non possono far valere alcuni diritti previsti dal Codice del Consumo, come la garanzia di 2 anni. Abbiamo fin da subito attivato il nostro Sportello Legale per prestare assistenza ai clienti – conclude il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – ed abbiamo avviato un’azione collettiva per il risarcimento danni. Rinnoviamo l’invito ai consumatori a non arrendersi ed a far valere i loro diritti. Noi continueremo ad essere dalla loro parte, pronti a costituirci parte civile nell’eventuale procedimento penale”.

La protesta di luglio a Cesano

Mercatone Uno, lo ricordiamo, è presente anche in Brianza, a Cesano Maderno. Qui l’ultima protesta dei dipendenti risale al luglio scorso quando, davanti all’ingresso del punto vendita, si sono ritrovati diversi addetti e anche i rappresentanti sindacali. Li avevamo raggiunti anche noi per raccogliere diverse interviste:

Leggi anche:  Visita del governatore Fontana in Cina: ponte fra Lombardia e Shandong

GUARDA QUI FOTO E VIDEO 

LEGGI ANCHE: 

Tripiedi (M5S) replica ai sindacati: “Sulla crisi del Mercatone Uno va detta la verità”

Mercatone Uno, i senatori del Pd interrogano Di Maio VIDEO

Mercatone Uno, l’obiettivo è la riapertura dei punti vendita