Mobilità sostenibile: gli  studenti del Frisi presentano un progetto. I giovani brianzoli del liceo scientifico Monzese hanno infatti partecipato ad una prestigiosa iniziativa insieme ai “colleghi”  di  Milano (Liceo Classico C. Beccaria), Bologna (Liceo Classico L. Galvani) e Bari (Liceo Classico Flacco),

Mobilità sostenibile

I Quattro licei italiani hanno infatti  studiato e classificato i piani di mobilità di alcune città europee ed extraeuropee nell’ambito di un innovativo progetto di Alternanza Scuola Lavoro, realizzato da H3, l’azienda italiana leader nel settore innotech assicurativo, in collaborazione con l’Arch. Stefano Boeri

Il questito di partenza

Los Angeles, Londra, Vienna, New York, Cape Town, Sydney, Barcellona, Stoccolma, come si trasformerà la loro mobilità nei prossimi vent’anni? Cosa cambierà o cosa dovrà cambiare?

Il lavoro

Per rispondere a queste domande, l’azienda H3, realtà leader nel mercato innotech assicurativo, specializzata nel canale retail automobilistico, ha coinvolto gli studenti brianzoli e delle altre tre scuole superiori aprendo con loro un tavolo di lavoro grazie all’Alternanza Scuola-Lavoro.

I progetti

H3 ha assegnato ad ogni scuola una città europea (Barcellona, Vienna, Stoccolma, Londra) e una extraeuropea (Cape Town, Los Angeles, New York, Sydney) insieme ai loro piani di mobilità da analizzare e valutare con un voto da 0 a 3 sulla base di cinque criteri: impatto ambientale e urbanistico; impatto economico; integrazione con la mobilità esistente; modifiche alla mobilità pubblica e privata, non motorizzata e motorizzata e tecnologie introdotte. Cinque macro criteri, all’interno dei quali i ragazzi sono poi andati ad individuare una serie di criteri più specifici.

Il liceo monzese

I ragazzi del liceo di Monza hanno analizzato i piani di mobilità sostenibile di Barcellona e Sydney, valutando le opportunità che queste città possono riservare per il futuro. La corposa analisi ha portato a stilare la classifica delle città potenzialmente più smart e sostenibili:

Leggi anche:  Dieci auto in fiamme in un parking di Malpensa FOTO

 

  1. Los Angeles – “Mobility Plan 2035”
  2. New York – “Transportation Master Plan for 2030”
  3. Vienna – “Urban Mobility Plan”
  4. Stoccolma – “Urban Mobility Strategy”
  5. Barcellona – “Urban Mobility Plan 2013-2018”
  6. Sidney – “Long Term transportation Masterplan”
  7. Londra – “The London Plan”
  8. Cape Town – “Comprehensive Integrated Transport Plan”

Mobilità elettrica

L’incremento e lo sviluppo della mobilità elettrica, sia pubblica che privata, è risultato l’elemento che più accomuna i piani di mobilità futura delle città analizzate, per l’esigenza di contenere l’inquinamento e quindi per migliorare la qualità dell’ambiente in cui si vive.

 

Stefano Boeri

Gli studenti hanno presentato i progetti all’Architetto Stefano Boeri che ha spiegato così l’incontro con le nuove generazioni e il futuro della mobilità sostenibile: “Le politiche pubbliche più innovative e gli investimenti più interessanti oggi riguardano proprio la mobilità. Il futuro, più vicino di quanto possiamo immaginare è, dunque, un futuro nel quale la mobilità dei corpi resterà fondamentale nel determinare l’assetto delle città. Va costruito con coloro che vi abiteranno, ecco l’importanza di luoghi di confronto come questo ideato da H3”

 

H3

“Il progetto che abbiamo realizzato con i ragazzi dell’Alternanza Scuola-Lavoro ci permette di approfondire i cambiamenti e di rafforzare la nostra presa di coscienza delle nuove esigenze che stanno emergendo nel mercato” ha commentato Giorgio Meszely, founder di H3