Vertenza Linkra-Cordon: giovedì l’incontro al Mise. Capitanio: La situazione è critica e dobbiamo fare di tutto per salvaguardare i posti di lavoro”.

Vertenza Linkra-Cordon

“Guardiamo con speranza al tavolo convocato per giovedì presso il Mise per affrontare la grave crisi occupazionale che sta interessando i lavoratori della ex Linkra-Compel, acquisita dai francesi della Cordon. La situazione è critica e dobbiamo fare di tutto non solo per salvaguardare i posti di lavoro, ma anche per generarne altri, vista la strategicità del settore interessato.

Lo rimarca l’onorevole della Lega Massimiliano Capitanio che, assieme ai colleghi Giulio Centemero, Roberto Ferrari e Jari Colla, ha presentato lunedì una interrogazione a risposta scritta al Ministro dello Sviluppo economico e al Ministero della Difesa per fare luce sulla situazione delle ex società Linkra S.r.l. e Compel Electronics S.p.A.

Salvini ha incontrato una delegazione a Monza

“Per l’improvvisa e auspicata convocazione di giovedì presso il Mise è stato fondamentale l’interessamento del ministro Salvini – ha spiegato Capitanio – che ha incontrato una delegazione a Monza, e il pressing istituzionale esercitato dalla Lega alla Camera e in Regione Lombardia”.

Leggi anche:  Assemblea Assolombarda 2019: l'intervento integrale del presidente Bonomi

“L’accordo tra le parti nel 2017 – prosegue Capitanio – aveva portato a scongiurare la definitiva chiusura delle aziende e a tutelare 147 dipendenti attraverso la cessione in affitto di tre rami d’azienda della Compel Linkra alla Cordon Group inerenti i settori Interconnections Solutions Sales & R&D, Microtech, Hardware Service e Interconnections Operations. Sono passati due anni – ha sottolineato l’onorevole – e si pone l’esigenza di coinvolgere tutto il personale attualmente occupato in Cordon, anche con il ricorso ad ammortizzatori sociali e alla riduzione degli orari di lavoro, per superare la congiunturale difficoltà di mercato e procedere ad una riorganizzazione produttiva ed aziendale attraverso un nuovo piano di investimenti e di rilancio industriale”.

Da qui l’interrogazione al Governo che, oltre a chiedere quali misure intenda porre in essere, ha chiesto “se il Ministero della Difesa abbia affidato specifiche commesse alle società Linkra S.r.l. e Compel Electronics S.p.A., oggi facenti capo al Gruppo francese Cordon, e quale fosse la tipologia di prestazioni richieste”. E a conferma della delicatezza della situazione è arrivata anche la convocazione da parte del Mise.