Ecco i sei brianzoli in corsa per le elezioni Europee, in programma domenica 26 maggio. Sono di Monza, Vedano, Giussano, Besana,  Correzzana e Ceriano Laghetto. L’appuntamento con le urne, ricordiamo, è dalle 7 alle 23, poi inizierà lo spoglio delle schede. Sedici le forze politiche in campo.

Ecco i sei brianzoli in corsa per l’Europa

Sono  sei i brianzoli in corsa per le  elezioni Europee. Il più conosciuto è sicuramente il monzese  Pippo Civati, ex esponente del Partito democratico, fondatore di “Possibile” e candidato nella lista di Europa Verde nata da un’alleanza di Possibile con la Federazione nazionale dei Verdi, Green Italia ed esponenti della società civile.  Civati però, dopo aver  appreso dalla stampa che due candidate delle sua lista sarebbero vicine all’estrema destra ha preso immediatamente le distanze dalla formazione ecologista. Non ha cambiato idea neppure di fronte alle smentite delle due interessate, decidendo di interrompere  la campagna elettorale, anche se resta in corsa perché non  può fare altrimenti.

Volto noto in Brianza anche quello di Dante Cattaneo, primo cittadino di Ceriano Laghetto. Quando nel 2009 venne eletto per la prima volta alla guida del suo Comune era il secondo sindaco più giovane d’Italia. Ora, a 36 anni, sposato con Marina, padre di Sabrina e Luigi, tenta il grande salto e corre per un posto al Parlamento Europeo, sempre con la Lega. E’ laureato in Scienze politiche con specializzazione in Scienze delle relazioni internazionali e dell’Integrazione Europea.

Di Vedano è  Rosaria Lombardi, 54 anni, commercialista e revisore contabile in uno studio a Monza, che corre sotto la bandiera di Fratelli d’Italia. E’ convinta che in Europa si possa fare ancora molto per promuovere l’industria italiana, “un’eccellenza che ci invidia tutto il mondo”. Lombardi ha poi precisato che Fratelli d’Italia si batterà per una ripartizione più equa dei fondi messi a disposizione dall’Europa, oltre che una più corretta armonizzazione dei sistemi fiscali dei 28 Stati membri.  Obiettivi dunque sono: meno tasse, più incentivi alle imprese e più occupazione.

Leggi anche:  Forza Italia perde pezzi: anche Paolo Romani dà il benservito a Berlusconi

Per il Movimento 5 Stelle è sceso  in campo il 41enne Andrea Togno. L’Europa la conosce perché ci ha lavorato a lungo. Dopo gli studi di ragioneria all’istituto Martino Bassi di Seregno e la laurea in Economia e Commercio, ha studiato e lavorato in diversi Paesi europei, dall’Irlanda alla Spagna, dalla Francia alla Germania, prima del rientro in Italia. Oggi abita a Giussano e lavora a Milano.

In corsa anche  Ilaria Barbonetti, 35enne di Besana Brianza. Ecologista da sempre – “mia mamma acquista biologico dagli anni Ottanta” – ha fatto della difesa e del rispetto dell’ambiente una missione professionale ed insieme umana una decina di anni fa quando, laurea in tasca, è partita per la Germania per un’esperienza nella sede dell’Ifoam, Federazione internazionale dei movimenti per l’agricoltura biologica. Al suo debutto in politica è candidata alle Europee con Europa Verde.

E veniamo a Claudia Toso, 44 anni da Correzzana, in corsa per Energie per l’Italia (ma sotto il simbolo  di Forza Italia). Per lei la tutela della famiglia e il contribuire alla creazione del bene comune sono gli obiettivi primari della campagna elettorale. Medico specialista in Medicina del lavoro e dirigente medico, coniugata con Mauro Totis, medico chirurgo dell’ospedale San Gerardo di Monza, è madre di cinque figli. Alle spalle ha già la candidatura alle elezioni Regionali dello scorso anno.