Bagno di folla ieri sera, martedì, per l’ex presidente del Consiglio Enrico Letta. L’attuale decano di Sciences Po, la prestigiosa facoltà di Scienze politiche di Parigi, è stato ospite del consigliere regionale del Pd Gigi Ponti nel Palazzo della Provincia di via Grigna. A fare gli onori di casa il presidente della Provincia di Monza e Brianza, Roberto Invernizzi, in sala anche l’eurodeputato Alessia Mosca.

Enrico Letta: “Brianza, brand da tutelare”

Una chiacchierata (per presentare il suo nuovo libro “Ho imparato“) con l’ex premier per comprendere meglio le difficoltà di oggi e cercare di trovare soluzioni per l’attuale crisi della rappresentanza che ha investito l’intero Paese. ma l’incontro è stato l’occasione anche per parlare di economia e di territorio.

La Brianza è un brand riconosciuto a livello internazionale, un marchio di eccellenza che va difeso e tutelato. Le aziende del territorio, per essere competitive, devono necessariamente puntare all’internazionalizzazione.

Ma Enrico Letta ha voluto anche confrontarsi sui temi di più ampia politica internazionale, facendo un paragone con il recente passato.

Fino a qualche anno fa mai mi sarei potuto immaginare di trovarmi di fronte alla Brexit, all’elezione di un multimiliardario alla Casa Bianca (Donald Trump, Ndr), al totale declino dei maggiori partiti francesi o alla nascita in Italia di un Governo marcatamente sovranista e nazionalista.

Un passaggio importante è stato quello sui nuovi mezzi di comunicazione e sulla necessità di interagire e di comunicare con le giovani generazioni che si stanno allontanando dalla politica.

Bisogna imparare a parlare con chi, oggi, non usa più i mezzi comunicativi di un tempo. Se fino a qualche anno fa – ad esempio in aereo – tutti avevano un giornale aperto, oggi tutti hanno uno smarphone: la tecnologia cambia le nostre abitudini quotidiane. Le nostre vite private vanno veloci mentre la politica è sempre più lenta.

Le foto

La notizia sul Giornale di Monza in edicola da martedì 5 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA