Il Consigliere regionale del M5S Lombardia Gianmarco Corbetta,  ha deciso di lasciare l’ANPI, l’Associazione nazionale partigiani d’Italia, dopo 6 anni di adesione: “Avverto troppo disagio nel rimanere. Non mi resta che salutare e togliere il disturbo”.

Gianmarco Corbetta lascia l’ANPI

“Da oggi non faccio più parte dell’ANPI”. Esordisce così in uno sfogo personale Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Lombardia. Corbetta ha deciso infatti di lasciare lasciare l’associazione brianzola dopo 6 anni di adesione. e i motivi li spiega lui stesso sul suo profilo Facebook.

“Qualcuno ricorderà – scrive il consigliere – il caso che avevo sollevato a marzo, in merito a Iuri Caturelli, piddino ex assessore all’urbanistica di Limbiate e membro del Consiglio di Amministrazione di BEA, la società pubblica che gestisce l’inceneritore di Desio. Su Facebook il Caturelli aveva dato sfogo ai suoi peggiori istinti con minacce di morte e offese gravissime nei confronti del Movimento”.

Gli insulti

Corbetta poi entra nel vivo della sua motivazione elencando uno dopo l’altro tutto gli insulti che il Movimento aveva ricevuto da Caturelli.

“Ricordo brevemente alcune delle migliori forme espressive del personaggio – scrive Corbetta – “sottosviluppati mentecatti”, “accozzaglia di idioti invasati”, “peggior feccia prodotta da questo paese”, “branco di asini”, “fogna grillina”, “poveri mentecatti”, “pentadementi”, “pattume grillino”, “sorci”, “ho stretto la mano a un grillino, spero di non essermi infettato”, “branco di idioti”, “se tu fossi grillino ti piscerei addosso”, “pentamerdosi”, “li schiacciamo come le merde”, “questi vanno estirpati come la gramigna”, “li lascerò perdere quando saranno annientati”, “se dovessi accorgermi che sto morendo chiederei la tessera del m5s così almeno una volta finita morirà un grillino”, “Non ho mai odiato nessuno durante la mia attività politica ma per loro provo odio profondo”.

L’espulsione richiesta e mai arrivata

“Non potendo accettare, da iscritto ANPI, di essere rappresentato da un membro del direttivo come questo personaggio – scrive ancora Corbetta nel suo sfogo su Facebook – ho pazientemente attivato gli strumenti previsti dallo Statuto ANPI affinché venisse espulso. Davo per scontato che il Caturelli, visto l’odio viscerale e la violenza verbale inaudita espressa pubblicamente nei confronti di una forza politica, non potesse più ricoprire ruoli di rappresentanza in un’organizzazione apartitica come ANPI. Oggi, a distanza di 8 mesi, mi viene risposto che “va bene così”: Caturelli resta al suo posto.

Leggi anche:  Per l'Anpi domani si ricorda la rigenerazione della Patria

“Tolgo il disturbo

“Mi dispiace molto per come sono andate le cose – conclude – la stima nei confronti di tanti amici in ANPI rimane immutata, così come io continuo a essere profondamente antifascista ovviamente, ma avverto troppo disagio nel rimanere in ANPI. Non posso fare altro che salutare e togliere il disturbo.”