Il Pd lombardo, insieme al Gruppo regionale dem, ha incontrato questa mattina a Palazzo Pirelli, il Ministro alle Infrastrutture e ai trasporti Paola De Micheli.

I dem incontrano il Ministro De Micheli

L’incontro è stato utile per illustrare alla responsabile del dicastero le questioni infrastrutturali e territoriali aperte in Lombardia e per un reciproco aggiornamento sulle priorità assegnate e sul lavoro dei prossimi mesi. “Abbiamo voluto questo incontro perché il Ministero della De Micheli è centrale per lo sviluppo della regione e per la soluzione dei problemi quotidiani dei lombardi. Abbiamo ringraziato il Ministro per la grande attenzione che sta dando alla Lombardia, a dimostrazione della presenza del Governo nel nostro territorio. Le questioni che abbiamo di fronte si chiamano Olimpiadi 2026 con i collegamenti da Milano a Lecco e alla Valtellina, Pedemontana, i ponti sul Po, i collegamenti Cremona-Mantova, lo sviluppo della rete ferroviaria e il nodo di Trenord e della qualità del servizio per i pendolari, su ferro e su gomma”, fa sapere Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd.

Leggi anche:  Volt punta ai giovani e "sbarca" a Monza e in Brianza

LEGGI ANCHE Ritardi e cancellazioni per un guasto: raggiungere o tornare da Milano è impossibile

Dissesto idrogeologico

Per competenza, si è parlato anche di casa, di dissesto idrogeologico e di tutela del territorio.

LEGGI ANCHE Dissesto idrogeologico: 750mila euro per Premana e Primaluna devastati dall’alluvione

“Abbiamo fatto presente al Ministro una serie di interventi che riteniamo necessari e sui quali continueremo la nostra azione politica, tenendo aperta l’interlocuzione con il Governo e con la Regione. Il Ministro, da parte sua, ha garantito l’impegno non solo su Pedemontana, ma anche su tutti i dossier aperti – conclude Straniero –. Ho favorevolmente notato, da parte della De Micheli, grande attenzione per i problemi infrastrutturali della nostra regione e anche dei singoli territori. Certo, nessuno possiede la bacchetta magica, ma confidiamo nella sua determinazione per sbloccare alcuni problemi annosi e tuttora irrisolti, sia sul fronte viabilistico che su quello ferroviario”.

LEGGI ANCHE Riaperto il Ponte di Paderno: tutti felici? Tutti in coda… FOTO