La Provincia di Monza e Brianza ha un presidente della Lega. Il centrodestra compatto ha votato il sindaco di Meda Luca Santambrogio, sconfitta l’avversaria del centrosinistra Concettina Monguzzi.

La Provincia passa al centrodestra

Ribaltone in Provincia. Il voto di ieri, venerdì 26 luglio, ha portato all’elezione del primo presidente della Lega della Provincia di Monza e della Brianza. Va sottolineato però che Luca Santambrogio, sindaco di Meda,  è stato sostenuto in modo compatto da tutte le forze del centrodestra, che avevano avanzato convinte la sua candidatura. Tant’è vero che ad assistere allo scrutinio, ieri sera dopo le 22 nel Palazzo della Provincia in via Grigna, c’era sì il commissario provinciale della Lega Andrea Villa, ma anche il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Rosario Mancino nonché il commissario provinciale di Forza Italia  e vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala. Con loro anche il sindaco di Monza Dario Allevi, primo presidente dell’Ente, ed altri esponenti di spicco del centrodestra, come l’onorevole della Lega Massimiliano Capitanio. Poi alcuni sindaci e vicesindaci, oltre a consiglieri provinciali e comunali.

Ad assistere alla spoglio anche la vicepresidente uscente e candidata presidente per il centrosinistra, il sindaco di Lissone Concettina Monguzzi. Con lei diversi sostenitori, a partire dal suo vice e dal primo cittadino di Seregno Alberto Rossi.

Lo scrutinio

L’esito del voto verrà ufficializzato soltanto oggi, sabato 27 luglio, ma l’elezione di Santambrogio non è in discussione. Ha vinto infatti con 41.291 voti ponderati contro i 39.453 ottenuti dalla sua avversaria. Buona la percentuale dei votanti, che ha sfiorato l’80% degli 877 aventi diritto. La sfida è stata  avvincente. Lo scrutinio, iniziato poco dopo le 22, alla chiusura delle urne, ha visto avvantaggiarsi con le schede azzurre (quelle riservate a consiglieri e sindaci dei paesi più piccoli) Santambrogio, che ha mantenuto il vantaggio anche con le schede arancio. Le schede grigie, comuni con popolazione tra 5.000 e diecimila abitanti, hanno visto invece avvantaggiarsi Concettina Monguzzi. Nuovo sorpasso di Santambrogio con le schede rosse e risorpasso di Monguzzi con le schede verdi, dei comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti ma inferiori a 100.000. Sorpasso finale e definitivo di Santambrogio quando si sono scrutinate le schede viola, relative alla città di Monza, che valevano ben 456 voti ponderati.

Fra quanti hanno seguito passo passo lo scrutinio prendendo nota dei voti,  l’esponente della Lega di Lissone Fabio Meroni, che nella Provincia ha sempre creduto fermamente e che ieri mattina alle 8 è stato il primo a presentarsi alle urne in via Grigna per esprimere il suo voto.

La soddisfazione di Santambrogio

Il neopresidente della Provincia è arrivato a scrutinio iniziato e ha atteso all’esterno l’esito dello stesso, invitato poi a entrare dai suoi sostenitori che lo hanno festeggiato a lungo. “Quando il centrodestra si presenta unito e si impegna – ha sottolineato – porta a casa il risultato. Per me è una forte emozione, considero quello di presidente della Provincia un incarico prestigioso e di questo ringrazio tutti i partiti della coalizione che sono riusciti a portare al voto tanti consiglieri in questa data estiva. Non era facile”.

Il centrodestra partiva infatti favorito sulla carta, ma un conto è vincere sulla carta e un conto è vincere per davvero, soprattutto quando si va al voto in piena estate, con sindaci e consiglieri comunali in vacanza.

Leggi anche:  Bufera sul post della candidata del centrosinistra alle Comunali di Desio. Salvini commenta "Vergogna"

Monguzzi sconfitta ma Serena

La vicepresidente Monguzzi al termine dello scrutinio ha voluto ringraziare tutte le persone che si sono impegnate per sostenere la sua candidatura e sindaci e consiglieri che si sono recati alle urne per votarla. “Faccio i miei migliori auguri al neo presidente – ha detto – noi resteremo comunque in Consiglio a lavorare per la Provincia”.

Centrodestra compatto e felice

Grande soddisfazione hanno  espresso i coordinatori e commissari dei partiti del centrodestra di Monza e Brianza. Fabrizio Sala, commissario di Forza Italia MB: “Siamo stati leali, i nostri consiglieri oggi sono venuti e hanno votato Luca Santambrogio che è il primo presidente della Provincia MB della Lega. Noi gli auguriamo buon lavoro, saremo al suo fianco  a governare questa Provincia che non è più rossa”.

Rosario Mancino, coordinatore di Fratelli d’Italia MB: “Abbiamo fatto un grande lavoro per coinvolgere tutti gli eletti del nostro partito e del mondo civico e stasera raccogliamo i frutti. Sosterremo Santambrogio, che porta avanti un progetto condiviso”.

Andrea Villa, commissario della Lega MB: “Per noi leghisti è una grande soddisfazione, ma è anche la prova del fatto che quando il centrodestra lavora unito e di squadra vince sempre. E’ a prima volta che la Lega esprime il presidente della Provincia di Monza e della Brianza e questo è importante, perché non dimentichiamo che questa Provincia è stata voluta tanti anni fa da Umberto Bossi, Cesarino Monti e altre persone che ci hanno creduto e hanno raggiunto questo risultato. Quello di oggi è il coronamento di un impegno politico iniziato trent’anni fa”.

La soddisfazione di Allevi

Anche il sindaco di Monza Dario Allevi, primo presidente della Provincia di Monza e Brianza, unico eletto direttamente dai cittadini, non è voluto mancare. Ha seguito con attenzione tutto lo scrutino ed esultato insieme agli altri esponenti del centrodestra quando, a poche schede dalla conclusione dello spoglio era ormai chiaro che la vittoria era in tasca. “Sono soddisfatto – ha commentato a caldo – è una grande gioia aver  riconquistato la Provincia di Monza e della Brianza, Il ruolo del Comune di Monza, come si è visto, è stato determinante per la vittoria di Santambrogio. Oggi Provincia e Comune di Monza sono entrambi in mano al centrodestra e sono convinto che lavoreremo benissimo assieme. Ho conosciuto Santambrogio e mi ha fatto un’ottima impressione, sono convinto che saprà dialogare con i 55 sindaci della Provincia perché questa è la casa di tutti”.

Anche in questa occasione Allevi, che non ha mai nascosto di non apprezzare una Provincia Ente di secondo livello, si è augurato che il Governo Conte sia presto foriero di buone notizie e ponga “maggiore attenzione a questo Ente, dotandolo di maggiori risorse, un Ente che è stato  lasciato in mezzo al guado dal Governo Renzi”.

Sul Giornale di Monza in edicola da martedì 30 luglio, così come sugli altri settimanali del Gruppo Netweek della Provincia di Monza e Brianza, un  ampio servizio dedicato alla giornata che ha portato all’elezione del quarto presidente della Provincia, dopo Dario Allevi, Gigi Ponti e Roberto Invernizzi.

TORNA ALLA HOME