E’ iniziata la lenta “invasione” delle strisce blu nelle lungo le strade del centro storico (ma non solo) di Lissone. Addio a intere aree che, fino ad oggi, erano a sosta libera o a disco orario.

Strisce blu, iniziata la “rivoluzione”

Anche la zona a lato della Chiesa Prepositurale di piazza Giovanni XXIII non sarà immune all’arrivo delle strisce blu, sosta a pagamento anche in via Don Crippa, via Verri, via San Rocco (zona ex oratorio maschile) che fino ad ora erano a sosta libera o in regime di disco orario.

Solo per gli stalli di piazza Giovanni XXIII sarà prevista la fascia oraria di pagamento “limitata” dalle 10 alle 17.45 per favorire l’afflusso delle persone alle messe feriali e ai funerali celebrati nella Prepositurale dei Santi Pietro e Paolo.

I lavori di “disegno” dei nuovi stalli blu sono iniziati nella giornata di lunedì con le vie Gramsci, via e piazza Garibaldi, via Po, via Assunta, piazza De Gasperi (Palazzo delle Poste), via Verri e via Don Crippa.

Ieri, martedì, gli operai si sono concentrati in via Solferino, via Padre Giuliani, via Don Gaffuri, piazza Padre Pio, via Roma, via Mentana, via San Rocco, via e piazza Garibaldi, piazza Maria Bambina, via Gorizia, via e piazza Lega Lombarda (centro anziani), via e largo Carotto e via Monte Nero.

Mercoledì sarà la volta del completamento di via Cavour, via Indipendenza, via Statuto, piazza Giovanni XXIII, via Padre Ugolino da Lissone, via San Martino, via e piazza Dante, via Fiume, via XX Settembre. Infine, giovedì conclusione in via Maggiolini, via Fantoni, via Brustolon, via da Bergamo e via Manzoni.

Molte sono le nuove aree che diventeranno a pagamento e per le quali sarà obbligatorio pagare la tariffa alle apposite macchinette. Necessario sarà anche il numero di targa che verrà stampato sul tagliando da posizionare sul parabrezza dell’automobile.

Residenti e commercianti imbufaliti

Ovviamente, l’incremento del numero della aree di sosta a pagamento, ha mandato letteralmente su tutte le furie sia i residenti che i commercianti delle nuove zone dove sono previste le “strisce blu”.

Proprio per dare voce alle lamentele e alle proteste di tutti, su Facebook è stato aperto un gruppo dove è possibile segnalare e confrontarsi con gli altri lissonesi coinvolti in questa “rivoluzione”.

A segnalare i disservizi anche i commercianti delle aree “esterne” alla Zona a traffico limitato che, dall’oggi al domani, hanno subito notato i disagi. In via Don Crippa – ad esempio – dove sono presenti alcuni bar, le nuove strisce blu hanno fatto desistere i clienti che, fino a ieri, potevano parcheggiare (con disco o liberamente, in base alla zona) proprio davanti al locale per entrare a consumare un caffè o un aperitivo.

Leggi anche:  Incidente mortale a Monza, paura anche a Verano SIRENE DI NOTTE

Cosa prevede il nuovo servizio?

L’introduzione della nuova sosta a pagamento è coincisa anche con l’avvio del nuovo “Pass Sosta” valido nella fascia d parcheggio Gialla e Azzurra e già in distribuzione presso la sede di “SCT Group” di via 20 Settembre 91.

Il pass, destinato ai residenti, ha validità nella zona Gialla per un massimo di 4 ore consecutive, mentre nella zona Azzurra per tutta la giornata. Per le attività commerciali, sia nella zona Gialla sia in quella Azzurra, il tagliando può essere invece utilizzato per un massimo di 4 ore consecutive. Entrambe le agevolazioni sono valide solo nell’arco della stessa giornata.

Il tagliando, da posizionare sull’auto, verrà associato ad una sola vettura ed è possibile effettuare la pratica anche online collegandosi al sito. Il Pass, una volta concesso, verrà trasmesso con una mail dedicata entro 24/36 ore, a seguito dell’accertamento della correttezza dei documenti trasmessi e, ovviamente, dell’effettuato pagamento della cifra di 15 euro.

La novità

E’ proprio grazie all’aumento dei parcheggi a pagamento che verrà riqualificata (a spese del gestore) l’area area di sosta del laghetto e del Parco di via Bottego, a Bareggia. Nell’accordo è prevista anche l’installazione di 9 nuovi punti di accesso alla città con telecamere “OCR”, 3 nuovi sistemi di allerta allagamento sottopassi comunali (in via Mascagni, via Carducci e via Fratelli Bandiera), che ne vieteranno quindi l’accesso ai veicoli in caso di allagamento.

L’introduzione delle nuove strisce blu deriva dall’applicazione del Piano Urbano del traffico e ha lo scopo di garantire a tutti la possibilità di fruire degli spazi pubblici adibiti a parcheggi in centro, favorendo la rotazione delle auto posteggiate – hanno sottolineato dal Comune – L’espansione del piano sosta a pagamento punta a creare un migliore equilibrio della mobilità e della sosta nelle aree nevralgiche della città. I residenti avranno maggiori possibilità di trovare un parcheggio vicino a casa, grazie al “Pass Sosta” (che sarà però a pagamento, Ndr) che introduce per la prima volta la possibilità di usufruire gratuitamente, seppur con alcune limitazioni, delle strisce blu.

A carico del nuovo gestore ci saranno anche  figura anche il controllo del traffico su tutto il territorio, la gestione della ciclostazione nel parcheggio dello scalo ferroviario, l’installazione e la manutenzione di 8 pannelli informativi a messaggio variabile e l’installazione di 3 nuovi dispositivi dissuasori di velocità (in aggiunta ai 5 esistenti).

Il Comune, da questa nuova concessione, incasserà annualmente la somma di circa 100mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA