Maroni Formigoni: due ex governatori della Lombardia, un analogo destino, negli ultimi tempi, almeno sul fronte giudiziario.

Maroni Formigoni e le cause

Tre giorni orsono è toccato al leghista Roberto Maroni risalire alla ribalta per via di una doppia sentenza emessa dai giudici del Tribunale di Milano. L’ex Presidente di regione Lombardia è stato riconosciuto colpevole solo di uno dei due reati che gli venivano contestati, la turbata libertà del contraente per l’affidamento alla ex collaboratrice Mara Carluccio di un incarico in un ente di ricerca regionale.

L’ex segretario del Carroccio è stato invece assolto “perché il fatto non sussiste” dal reato di induzione indebita (avrebbe fatto pressioni illecite per far partecipare a una missione a Tokyo un’altra sua ex collaboratrice, Mariagrazia Paturzo, a cui, secondo l’accusa, Maroni sarebbe stata legato da una “relazione affettiva”).

“Assolto e condannato allo stesso tempo. Un colpo al cerchio e una alla botte per una raccomandazione mai fatta”, ha dichiarato a caldo Maroni, convinto che in Appello arriverà un’assoluzione piena.

Cinque milioni sequestrati al “celeste”

E’ notizia di oggi invece il fatto che la Corte dei Conti della Lombardia ha disposto il sequestro di 5 milioni di euro a carico dell’ex Governatore della Regione, il ciellino lecchese Roberto Formigoni per la vicenda Maugeri.

Leggi anche:  No Salvini Day, antirazzisti in piazza a Crema

In sostanza, avrebbe ricevuto oltre 400mila euro, tra contanti, orologi, spese per viaggi tra il Sudafrica e la Croazia e il noleggio di jet e barche, per conto di un imprenditore, in cambio dello sblocco di stanziamenti.

SCOPRI QUANTO GLI E’ STATO SEQUESTRATO E PERCHE’ SUL GIORNALEDILECCO.IT