Pietro Virtuani confermato alla segreteria del Partito democratico di Monza e della Brianza. Domenica alle primarie ha ottenuto più del doppio dei voti dello sfidante Mariano Delle Cave.

Pietro Virtuani confermato segretario del Pd MB

Pietro Virtuani è stato confermato segretario provinciale del Pd di Monza e della Brianza. Ha vinto nettamente la sfida che lo vedeva contrapposto a Mariano Delle Cave. Alla fine della giornata di domenica, in cui sono stati chiamati ad esprimersi tutti gli iscritti del Pd della provincia, Virtuani ha ottenuto 1061 voti, più del doppio di quelli raggranellati dallo sfidante Delle Cave: 475.

Una vittoria netta

Virtani ha vinto in quasi in tutti i paesi. Delle Cave ha infatti avuto la meglio sul segretario uscente soltanto ad Arcore (39 voti contro 6),  nel seggio 4 di Monza (39 – 28), a Nova Milanese (52 contro 25) e clamorosamente a Varedo, con il risultato 43 a 0. Ha perso invece di un soffio nella sua Bovisio Masciago:  (15-16). Detto di un ex aequo nel seggio 6 di Monza: 25-25 in tutti gli altri paesi ha vinto Virtuani. In 15 centri lasciando a zero l’avversario.

Chi è Pietro Virtuani

Virtuani ha 31 anni, è di Brugherio, è laureato in Lettere moderne e lavora in una casa editrice. Iscritto al Pd dalla sua fondazione, è già stato segretario dei Giovani democratici di MB ed è il segretario provinciale uscente, oltre che consigliere provinciale e consigliere comunale a Brugherio dal 2013.

Leggi anche:  Gigi Ponti lancia Fare Brianza

Delle Cave, 41 anni, è di Bovisio Masciago. Laureato con lode in legge, l’avvocato Delle Cave si occupa prevalentemente di diritto del lavoro e di società pubbliche. Iscritto al Partito democratico dal 2013, è attualmente capogruppo Pd in Consiglio comunale a Bovisio Masciago.

Per la Regione anche la Brianza ha premiato Peluffo

Detto del risultato del provinciale, ricordiamo che il nuovo segretario regionale del Pd è Vinicio Peluffo di Rho, che ha avuto la meglio su Eugenio Comincini di Cernusco sul Naviglio. Peluffo ha vinto anche in Provincia di Monza e Brianza, dove ha ottenuto 1.136 voti contro gli 856 di Comincini. Ricordiamo che per il segretario regionale oltre agli iscritti, come avvenuto per l’elezione del segretario provinciale, potevano votare anche i simpatizzanti.