Politiche 2018 – Desio,  al centrodestra i collegi uninominali. Paola Frassinetti e Stefania Craxi prime alla Camera e al Senato.

E SUI NOSTRI SETTIMANALI DOMATTINA NELLE EDICOLE LO SPECIALE ELEZIONI IN OMAGGIO CON VINCITORI E VINTI E IL RIEPILOGO COMPLETO DEI RISULTATI

Politiche 2018 – Desio, al centrodestra i collegi uninominali

Paola Frassinetti e Stefania Craxi. I collegi uninominali di Camera e Senato vanno alle due candidate di centrodestra che, a Desio, superano le dieci mila preferenze: Paola Frassinetti 10.967, il 45,5 per cento, Stefania Craxi 10.245, il 45,9 per cento.

Lontani gli altri candidati. Alla Camera Davide Tripiedi del Movimento 5 Stelle, deputato uscente, supera i sei mila voti (6.327, il 26,2 per cento), mentre Maria Antonia Molteni, sindaco Pd di Veduggio, sostenuta dal centrosinistra, si ferma a 5.326 preferenze, superando di poco il 22 per cento (22,1 per cento).

La candidata di Liberi e Uguali, Michela Vaccaro, ottiene 680 voti (2,8 per cento), mentre tutti gli altri candidati sono sotto l’1 per cento.

Al Senato il secondo posto, alle spalle di Stefania Craxi, è del grillino Gianmarco Corbetta, consigliere regionale uscente, con 5.732 voti (25,7 per cento). Cherubina Bertola, ex vicesindaco di Monza e consigliere comunale del capoluogo brianzolo, candidata del centrosinistra si ferma sotto quota cinque mila: 4.864 voti, il 21,8 per cento.

Lucrezia Ricchiuti di Liberi e Uguali, senatrice uscente, prende 725 voti che corrispondono al 3,2 per cento. Tra gli altri sei candidati solo Giuseppe Vigevani di Forza Nuova supera, di poco, l’1 per cento.

La rilevazione dell’affluenza ieri sera alle 23, alla chiusura dei seggi, ha registrato il 78 per cento al Senato con 22.869 votanti su 29.256 elettori e il 76 per cento alla Camera 24.693 votanti su 31.669 elettori. Alle politiche di cinque anni fa, quando si votava su due giorni, la percentuale di elettori sfiorò l’80 per cento (79,57 per cento).

Leggi anche:  Olimpiadi 2026, via all'asse lombardo-veneto

Voti di lista

Per quanto riguarda i voti di lista, il primo partito in città è la Lega con il 26,4 per cento (6.181 voti). Alle spalle del partito di Salvini c’è il Movimento 5 Stelle con il 25,8 per cento (6.041 voti) e il Pd con il 18,7 per cento (4.386 voti).

Forza Italia è l’ultimo partito in doppia cifra, 15,3 per cento (3.590 voti). Tra gli altri partiti Fratelli d’Italia è l’unico sopra il 3 per cento (3,6 per cento con 853 voti), mentre sono poco sotto Liberi e Uguali (2,7 per cento) e +Europa (2,6 per cento).

Il confronto con il 2013

Il confronto con le politiche del 2013 è difficile perché si votò con un altro sistema elettorale, la Legge Calderoli o “Porcellum”, un proporzionale «impuro»

In ogni caso alcune tendenze sono chiare (dati relativi alla Camera). Il Movimento 5 Stelle cresce di tre punti, passando dal 23,3 per cento al 26,2 per cento. In calo, invece, il centrosinistra. Cinque anni fa il Pd, da solo, prese il 24,5 per cento. Oggi la coalizione di centro sinistra (democrats con +Europa, Insieme e Lorenzin) si ferma al 22 per cento. In grande crescita, invece, il centrodestra. Nel 2013, sommando il risultato de Il Popolo delle Libertà (21,6 per cento), Lega Nord (11,6 per cento) e Fratelli d’Italia (1,3 per cento), il polo di centrodestra raggiunse il 34,5 per cento. Dalle politiche 2018 la coalizione di centrodestra esce con il 45,5 per cento.

Elezioni regionali

Lo spoglio delle elezioni regionali inizierà oggi (lunedì 5 marzo) alle ore 14. Sarà possibile seguire l’aggiornamento in tempo reale dello scrutinio sul maxischermo allestito in Sala consigliare (piazza Giovanni Paolo II) oppure online sul sito del Comune di Desio.

Alcune foto del voto di ieri