Profughi, il sindaco di Desio Roberto Corti: “Basta allarmismi, ora la Lega chieda scusa”. Il primo cittadino attacca il Carroccio dopo l’incontro convocato in Prefettura per discutere dell’emergenza, causata dalla mancanza di strutture per accogliere i richiedenti asilo, che stanno arrivando sempre più numerosi sul territorio brianzolo.

“Se gestiamo bene la situazione possiamo continuare a vivere serenamente”

“Se gestiamo questa situazione facendo in modo che non ci siano concentrazioni elevate e l’accoglienza sia diffusa sul territorio possiamo continuare a vivere serenamente come è avvenuto fino ad oggi a Desio e in tutti i comuni della nostra provincia”. E’ questo il punto su cui insiste il sindaco di Desio, attaccato dalla Lega dopo l’incontro a Monza con il Prefetto. In particolare i leghisti desiani, con Andrea Villa, contestano il fatto che Corti avrebbe affermato che “Desio ha capacità ricettiva” e avrebbe proposto “agli altri primi cittadini di fare appelli per reperire alloggi”.

“Ogni sindaco deve fare la sua parte”

Il primo cittadino, da parte sua, ci ha tenuto a sottolineare che: “Di fronte al Prefetto tutti i sindaci, compresi quelli della Lega e del centrodestra, nei loro interventi dicono che la gestione dei profughi fino ad oggi non ha dato particolari problemi nei loro comuni. Io a Desio ho sempre sostenuto questo e mi ha fatto piacere trovarmi in ottima compagnia. Per questo credo che se si continua a gestire la situazione in maniera diffusa com’è stato fino ad oggi, non ci saranno problemi. Ognuno di noi come sindaco deve fare la sua parte, se ognuno fa il suo pezzettino, di problemi non ce ne sono”.

Leggi anche:  Scontro tra auto a Desio FOTO

“La Lega deve chiedere scusa”

“I leghisti chiedano scusa, perché continuano a soffiare sul fuoco e generare una psicosi che non ha fondamento. Nei luoghi istituzionali, ripeto, nessuno, neanche quelli del centrodestra sollevano problemi. Quindi si mettano a collaborare, invece di generare paure”. Di fronte alla questione, la sezione desiana della Lega nord, ha affermato in un comunicato: “Aiutare tutti è utopia, cercare appartamenti per i migranti quando a Desio c’è una lista d’attesa di famiglie in cerca di casa e lavoro è idiozia. La situazione è fuori controllo, se non si riesce a garantire accoglienza dignitosa a tutti è meglio lasciare perdere, aiutando davvero i migranti a casa loro, ed opporsi ad uno stato che lascia i comuni in braghe di tela”.

AMPIO SERVIZIO SUL GIORNALE DI DESIO IN EDICOLA E ONLINE DA OGGI, MARTEDI’ 18 LUGLIO