Sovico, Franco Galli, candidato sindaco di centrosinistra si presenta.

Il candidato sindaco si presenta

Ieri mattina (sabato 9 marzo), in sala civica Aldo Moro, alla presenza di un pubblico numeroso, si è svolta la presentazione del candidato sindaco di centrosinistra Franco Galli, espressione della lista “Uniti per Sovico” sostenuta dal Partito democratico. “Oggi ufficialmente iniziamo un percorso – ha esordito il sindaco uscente Alfredo Colombo – Grazie a chi ha lavorato in questi anni, a chi ha fatto parte di questo percorso che ci ha portato al governo del paese. Pensiamo di aver fatto un lavoro discreto. Il momento politico non è particolarmente felice per l’aria che tira ma è un handicap che possiamo vincere puntando su due aspetti: proponendo una squadra di governo all’altezza e proponendo un programma convincente che faccia riferimento alla realtà del territorio. Cercheremo di mettere in campo una squadra vincente anche con forze nuove che mettano capacità, entusiasmo e competenze. Il centrodestra si presenta minaccioso: c’è una trincea e il clima non è dei migliori ma noi abbiamo la forza delle idee. Convinceremo i sovicesi che non è il momento migliore per cambiare perché l’opposizione, in questi anni, non ha dato un grosso contributo. L’impegno di Franco è gravoso e va sostenuto”.

Il profilo del candidato sindaco

Classe 1946, Franco Galli è un sovicese doc. Dirigente scolastico di professione, politicamente per 10 anni è stato vicesindaco e assessore alla Pubblica Istruzione. “Siete un bel colpo d’occhio – ha esordito il candidato sindaco – Vi confesso che qualche giorno fa mi sentivo confuso e preoccupato quando la gente mi chiedeva di accettare questa candidatura. Perché mi sento così obbligato nei confronti di queste persone? Penso di aver dato già parecchio della mia vita eppure mi sento ancora obbligato per l’impegno che abbiamo assunto quando ci siamo costituiti ovvero essere servitori della comunità. Dunque è stato difficile dire di no ed eccomi qua. Ho accettato la carica consapevole di ciò che mi aspetta. Mi sento dentro tanto entusiasmo”.

Gli obiettivi

“I nostri obiettivi sono semplici ma molto concreti – ha aggiunto Galli – Toccano le esigenze delle persone, le problematiche ambientali e sociali e mettono al centro la persona. Martedì (12 marzo), ad esempio, portiamo in Consiglio comunale una variante al Piano di governo del territorio che ha due obiettivi precisi: la riduzione del consumo di suolo e la valorizzazione dell’esistente. In questi anni di mandato abbiamo fatto una costante e attenta manutenzione di ciò che già esiste facendo un investimento di 3 milioni di euro per le scuole, le strade, la cura del verde e la biblioteca. Abbiamo fatto inoltre un investimento di oltre un milione di euro per l’illuminazione pubblica a led e siamo stati i primi nella zona. Tra poco vedremo anche impianti fotovoltaici sugli edifici pubblici. Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti, dal 1 dicembre 2018 la gestione è passata a Gelsia e già si notano piccoli miglioramenti nella pulizia delle strade. La raccolta differenziata poi è passata dal 49% del 2010 all’attuale 75%”.

Manutenzione del verde

“Abbiamo a cuore anche la cura del verde pubblico. Di recente abbiamo inaugurato il Parco Crocetta Greppi, aree verdi attrezzate sono dislocate lungo tutto il paese. Stiamo inoltre procedendo all’assegnazione degli orti comunali”.

Sicurezza

“In materia di sicurezza ci tengo a sottolineare che sul territorio sono presenti 20 telecamere e che abbiamo istituito una convenzione con le Guardie Ecologiche del Parco Valle Lambro. Il 16 marzo, infine, aprirà in Comune uno sportello di ascolto da parte dei Carabinieri”.

Sociale

“Grande attenzione viene data alla dimensione del sociale. Abbiamo sempre creduto nel valore del volontariato e siamo vicini alle associazioni del territorio dove c’è una realtà dinamica. Negli ultimi anni sono infatti nate 5 nuove associazioni. La persona per noi è centrale”.

L’appello alla cittadinanza

“Questo intervento non vuole essere un bilancio trionfalistico, anzi, come voto ci siamo dati 7 – ha aggiunto Galli – Abbiamo fatto ma c’è ancora molto da fare. La nostra è una politica organica dietro la quale c’è un disegno strategico di lunga durata. In questi 10 anni di governo il paese è cambiato, si sono create nuove emergenze come il lavoro, la casa, la povertà. Problemi che stiamo già affrontando. In questo momento di passaggio il mio compito è dunque quello di prendere in mano questo patrimonio e investirlo in un terzo mandato. La mia candidatura è sotto il segno della continuità anche se non basta: i problemi sono tanti, ci vogliono risorse e forze nuove, persone che abbiano voglia di mettersi in gioco. La partecipazione sarà uno dei nostri criteri di lavoro per incontrare la gente, confrontarsi, ascoltare. Amministrare significa risolvere la quotidianità cercando di decidere sempre nell’interesse di tutti, non del consenso. Siamo una lista di centrosinistra, orgogliosi di questa identità che vogliamo riaffermare“.

Leggi anche:  La campagna elettorale di Salvini fra pompieri, code e selfie

Il sindaco di Verano, Massimiliano Chiolo

“Franco Galli è un maestro e un educatore e come diceva don Milani, “lo è per sempre” – il commento del sindaco di Verano, Massimiliano Chiolo – Galli è una persona a cui siamo affezionati. Anch’io come lui ero vicesindaco, poi sono diventato sindaco grazie alla strategia di essere vicini ai cittadini. Un sindaco deve prendersi cura di tutta la cittadinanza. Importante è lo spirito di collaborazione, anche con la minoranza, e la continuità: sono queste le chiavi vincenti e gli ideali della sinistra. Franco sarà un ottimo sindaco”.

Il sindaco di Lissone, Concetta Monguzzi

“Sono legata a Galli – ha aggiunto il sindaco di Lissone, Concetta Monguzzi – Ero appena 20enne quando mi è stato dato un incarico a tempo indeterminato nella scuola dove lavorava Franco. Un dirigente molto attento, che ha messo al primo posto l’inesperienza di un’insegnante. Poi l’ho ritrovato quando sono diventata sindaco. Mi piace molto il logo, in particolare l’imperativo Uniti per qualcosa, Sovico. Non solo strade, illuminazioni ma anche persone. Un sindaco e le persone che lo sostengono prendono in carico una comunità che va custodita ma poi restituita. Franco sta dicendo a tutti che è pronto a prendere in prestito Sovico con trasparenza, solidarietà e partecipazione. L’unità che oggi viene ribadita è qualcosa di grande. Un sindaco per andare avanti ha bisogno di motivazioni forti: Franco è la persona giusta, ha professionalità, esperienza e l’umiltà di stare al suo posto. Ha un senso etico e un attaccamento al suo paese”.

Uniti per Sovico

“Franco Galli è stato uno dei fondatori della nostra lista – ha aggiunto Maria Pia Pozzoli, coordinatrice della lista Uniti per Sovico – Rappresenta i nostri valori e in più ha maturato l’esperienza da vicesindaco. Continuerà l’ottima opera del nostro sindaco con grandissimo spirito di servizio con un’apertura alle associazioni. Sarà un ottimo sindaco al servizio di tutti“.

Partito democratico

“Noi abbiamo sempre appoggiato la lista civica che esiste da 20 anni – ha aggiunto Basilio Mascia, segretario locale del Partito democratico – E’ sicuramente un valore aggiuntivo perché il Partito democratico non rappresenta tutta la popolazione. Per questo la lista “Uniti per Sovico” è un valore aggiunto che rappresenta un valore più ampio della società. Uniti per Sovico è la scelta giusta con un capitale di amministrazione che ha migliorato il nostro paese. Daremo un apporto sostanziale al programma e diamo già l’appuntamento al 28 marzo per un tavolo tematico che, ci auguriamo, sia molto partecipato”.

Il servizio completo sul Giornale di Carate in edicola martedì 12 marzo 2019.