Si scalda sempre di più il clima politico a Villasanta. E non potrebbe essere altrimenti visto che tra meno di 5 mesi (domenica 26 maggio in concomitanza con le elezioni Europee) villasantesi saranno chiamati a scegliere il prossimo sindaco della città.

La sezione locale del Carroccio, che ha Emilio Merlo il suo massimo esponente in Consiglio comunale (e candidato sindaco?), ha postato sul suo profilo Facebook un articolo che verrà anche pubblicato sull’informatore comunale “Open” di dicembre.

Contenuti interessanti che riprendono l’attuale situazione politica degli schieramenti vista dal punto di vista della Lega.

“Ornago alla fine si ricandiderà”

Non poteva che partire dall’attuale maggioranza di governo l’analisi del Carroccio. A tal proposito continua il periodo di riflessione del sindaco Luca Ornago che non ha ancora sciolto le riserve su una sua possibile ricandidatura al primo cittadino per il secondo mandato.

Proprio giovedì scorso il Pd locale si è riunito per tracciare un primo bilancio della legislatura. Un incontro interlocutorio al quale ne seguiranno sicuramente altri. Al momento non c’è nulla di certo e non è nemmeno da escludere l’ipotesi di elezioni primarie per scegliere il candidato sindaco del centrosinistra.

“Il sindaco Luca Ornago non ha ancora sciolto la riserva sulla sua ricandidatura, circolano voci di dissensi interni che proporrebbero elezioni primarie per la scelta del candidato sindaco, credo poco che queste primarie si terranno e mi lancio nella previsione che il sindaco scioglierà presto la sua riserva – si legge nell’articolo firmato da Merlo – Riconfermata segretario cittadino del Pd, Valeria Passoni ha dichiarato che interlocutore privilegiato sarà la lista “Cittadini per Villasanta”, quindi mi sbilancio prevedendo una riedizione dell’alleanza delle passate elezioni tra Lista e Pd con Luca Ornago candidato per un secondo mandato. Credo così di aver scoperto il segreto dell’acqua calda”.

E le minoranza che fanno?

“Passiamo agli schieramenti di opposizione in Consiglio Comunale – prosegue Merlo nella sua disamina politica – Sul futuro delle due liste civiche “Nuova Villasanta” ed “Uniti per cambiare” nutro qualche dubbio su una loro riproposizione nella forma della passata consultazione ma, rappresentando delle realtà cittadine, probabilmente troveranno il modo di essere presenti. Ad oggi non si sa se l’alleanza Lega-Forza Italia che si era presentata alle passate elezioni a sostegno della mia ricandidatura a sindaco si ricostituirà. Il primo a non saperlo sono io anche se negli articoli di stampa prima citati questa alleanza la si da come molto probabile”.

Uno sguardo al M5S

Non è mancato anche un accenno al M5Stelle che potrebbe essere il vero ago della bilancia nella prossima consultazione elettorale. E lo stesso Merlo ha escluso l’ipotesi di una riedizione del governo giallo-verde in salsa villasantese.

“Importante sapere cosa farà il Movimento Cinque Stelle che alle ultime elezioni politiche ha raccolto 1665 voti pari al 21,03% ( schede per la camera) – ha concluso Merlo – Nell’incontro organizzato dal Movimento in Villa Camperio è stato dichiarato che direttive nazionali danno liste in solitaria alle prossime amministrative. Sembrerebbe quindi esclusa in chiave locale la riedizione del governo gialloverde. In conclusione grandi manovre in atto sul cui esito, ad oggi 8 dicembre, non mi sento di pronosticare nulla se non la ferma volontà della Lega di fare il possibile per mandare a casa l’attuale maggioranza e sostituirsi ad essa sia con una corsa in solitaria che con un’alleanza ad oggi tutta da costruire”

 

Leggi anche:  E' un monzese il primo firmatario della mozione di sfiducia a Conte