Come proteggere il cuore? E come funziona? Secondo il dizionario il cuore è «L’organo muscolare, cavo, che costituisce il centro motore dell’apparato circolatorio dei Vertebrati». Posto al centro del torace, nella cavità tra i due polmoni chiamata mediastino, solitamente ha la dimensione di un pompelmo. E’ rivestito dal pericardio una membrana a forma di sacco che lo contiene. E’ diviso in quattro cavità, due atri e due ventricoli. Gli atri ricevono il sangue dal circolo venoso, mentre i ventricoli hanno la funzione di pompare il sangue nelle arterie. Il sangue venoso, desaturato dall’ossigeno, si trova nella parte destra del muscolo, quello invece ricco di ossigeno si trova nella parte sinistra.

Come proteggere il cuore

In termini semplici il cuore è una formidabile pompa che spinge il sangue in ogni punto del nostro corpo attraverso il sistema arterioso e venoso. Per riuscire a fare questo batte ininterrottamente per tutta la vita sia nelle fasi di veglia che in quelle di sonno adeguando in assoluta autonomia l’intensità del battito alle nostre attività. Più siamo in movimento più il battito accelera, in fase di riposo invece la frequenza diminuisce. Composto quasi completamente da tessuto muscolare striato involontario, in esso si trovano anche cellule chiamate miocardiociti che sono in grado di assicurare l’impulso nervoso necessario alla contrazione, cioè il battito cardiaco che permette la circolazione sanguigna.

Altre info da conoscere

A produrre questo stimolo è il nodo seno atriale, posto tra vena cava superiore e atrio destro, che trasmette l’impulso a contrarsi a tutto il cuore attraverso le fibre muscolari. Sempre nel cuore si trovano anche fibre nervose autonome costituenti il plesso cardiaco. C’è poi il nervo vago che, con le fibre parasimpatiche connette l’organo con il sistema simpatico, parasimpatico e sensitivo assicurando la coordinazione del muscolo con gli stimoli provenienti dal cervello. Ecco come proteggere il cuore.

Leggi anche:  Mal di testa nei bambini, ecco che cos’è

Ed ecco come funziona

Importantissime sono le quattro valvole che controllano, proprio come farebbero dei rubinetti, l’unidirezionalità del flusso del sangue tra atri e ventricoli: la valvola tricuspide e la valvola mitralica. Tra il cuore e i vasi sanguigni ci sono invece la valvola polmonare e la valvola aortica. Queste ultime valvole sono dette «semilunari». A garantire lo scambio di ossigeno e anidride carbonica da e verso tessuti e organi provvedono i vasi sanguigni. Le vene portano il sangue carico di anidride carbonica dagli organi e dai tessuti al cuore. Ci sono poi l’arteria polmonare e la vena polmonare che garantiscono il flusso di sangue tra cuore e polmoni e l’aorta, arteria principale del corpo, che invece porta il sangue carico di ossigeno all’organismo.

L’importanza della prevenzione

Il nostro cuore è una macchina perfetta, ma scorrette abitudini, stili di vita errati, predisposizioni genetiche e tanti altri fattori possono metterne a repentaglio il funzionamento e provocare malattie che, purtroppo, possono avere esito anche mortale. Ecco perché la prevenzione cardiologica è di fondamentale importanza per la salvaguardia della salute. Il cuore è una macchina perfetta. Ognuno di noi ne ha uno, grazie al suo instancabile battito ci ha fatto il regalo più grande che abbiamo mai ricevuto: la vita. E’ per questo che dobbiamo lavorare per mantenerlo in forma ed è per questo che è importante fare prevenzione.