Ammonta a quasi 6 miliardi di euro la spesa delle strutture sanitarie pubbliche per i dispositivi medici nel 2017. In crescita del 2,6 per cento rispetto al 2016. E’ quanto rileva il ministero della Salute nel Rapporto sulla spesa rilevata dalle strutture sanitarie pubbliche del SSN per l’acquisto di dispositivi medici – Anno 2017. Il Rapporto è giunto alla sua sesta edizione. Consente di fare il punto sulla completezza e profondità del patrimonio informativo disponibile in Italia per il monitoraggio del settore in questione. Sia in termini di offerta del mercato (attraverso il sistema Banca Dati e Repertorio), che della domanda soddisfatta e della spesa sostenuta da parte delle strutture pubbliche del Servizio Sanitario Nazionale (attraverso il Flusso informativo per il monitoraggio dei consumi e i modelli dei Conti Economici) con interessanti indicatori economici a livello nazionale e regionale. Anche su più anni.

Dispositivi medici, i dati principali

Un milione e più di dispositivi censiti. Al 31 dicembre 2017 risultano censiti nel sistema Banca Dati e Repertorio del ministero della Salute 1.018.976 dispositivi medici e 45.543 dispositivi medico-diagnostici in vitro. Il Rapporto di spesa 2017 presenta in anteprima alcuni risultati di una recentissima analisi del settore in Italia. L’analisi, basata sulle informazioni contenute nella banca dati AIDA (Analisi Informatizzata delle Aziende Italiane), ha tracciato nel 2016 la presenza di 4.465 imprese operanti nel settore. Includendo nel campione imprese produttrici, distributori e imprese integrate, per lo più di piccole dimensioni, con un totale di 67 mila dipendenti.

Leggi anche:  Creme solari, quali sono le tendenze 2019?

Spesa sostenuta: quasi 6 miliardi

I costi sostenuti nel 2017 dal Servizio sanitario nazionale per l’acquisto di dispositivi medici ammontano a quasi 5.992 milioni di euro. A rivelarlo sono i dati del Conto economico degli enti del servizio sanitario nazionale. E sono così divisi: dispositivi medici 4.115 milioni, dispositivi impiantabili attivi 524 milioni, dispositivi medico-diagnostici in vitro 1.351 milioni. Con riferimento al totale dei dispositivi medici (dispositivi medici, dispositivi medici impiantabili attivi e dispositivi medico-diagnostici in vitro), i dati rilevati nel 2017 a consuntivo mostrano complessivamente una crescita del 2,6% rispetto al 2016. Per quanto attiene le singole categorie i dati mostrano una crescita più marcata (+ 3,2%) dei dispositivi. Rispetto alle altre due tipologie che presentano invece una crescita più lieve rispetto ai valori rilevati nel 2016.