Il ritocchino è sempre molto richiesto. Donne, uomini, ragazzi e ragazze: la chirurgia plastica estetica sta interessando fette di pubblico sempre più ampie. Stando ai dati diffusi dall’ISAPS, International Society of Aesthetic Plastic Surgery, relativi al 2017, il settore è in forte crescita. Infatti, il totale degli interventi chirurgici a livello mondiale è cresciuto del 4% rispetto all’anno precedente. In particolare il «ritocchino» al viso e quello al corpo sono cresciuti dell’1% anno su anno. A essere aumentati di più sono gli interventi al seno che, in generale, hanno fatto registrare un incremento del 4%. In ascesa anche quelli total body, compresi gli interventi a braccia e gambe, che raggiungono un incremento del 7%. Questi dati  evidenziano come, a livello mondiale, la chirurgia plastica estetica continui nel proprio trend espansivo.

Il ritocchino, la posizione dell’Italia

Sempre dai dati ISAPS emerge come l’Italia sia al quinto posto in quanto a chirurgia plastica estetica. Preceduto da Stati Uniti, Brasile, Giappone e Messico, il Belpaese  si posiziona però prima di Germania, Colombia e Tailandia. Insieme, i primi cinque stati di questa speciale classifica rappresentano il 38,4% del totale complessivo del mercato. Al primo posto, nel 2017, ecco il ringiovanimento della vagina (atto chirurgico comprensivo di labioplastica). Al secondo posto si trova il lifting alle gambe (cresciuto del 22%), mentre terzo è il rimodellamento dei glutei aumentato del 17%. Infine, un altro forte incremento è stato registrato dalla rinoplastica (con un aumento dell’11%).

Leggi anche:  Il vizio del fumo fa «marcire» il cervello

Gli interventi più richiesti

Il più richiesto in assoluto è la mastoplastica additiva, che ha fatto registrare 1.677.320 interventi. Al secondo posto c’è la liposuzione con 1.573.680 interventi e, infine, ecco la blefaroplastica il cui dato si attesta a 1.346.886 interventi. Il calo maggiore registrato nel 2017, invece, è stato registrato dal contouring del viso, calato dell’11%  con 98.003 interventi. Tra le procedure non chirurgiche, invece, la si conferma al primo posto l’iniezione di tossina botulinica alla quale si è fatto ricorso  5.033.693 volte,  con un aumento dell’1% nell’ultimo anno. Secondo i dati diffusi dall’ISAPS sono sempre le donne a ricorrere in maggioranza al ritocchino. Dominano infatti il settore con 20.207.190 interventi effettuati nel mondo e una percentuale che si attesta all’86,4%. Gli uomini, invece, rappresentano il 14,4% dei pazienti con 3.183.351 interventi effettuati su scala mondiale.