Per poter eseguire un intervento di implantologia (quindi mettere un impianto dentale) è necessario che il paziente abbia un osso in grado – per qualità e quantità – di sostenere l’impianto.

Purtroppo, questo non sempre è possibile; ci sono casi in cui i pazienti presentano un grave deficit osseo, una condizione che non permette il caricamento di un impianto dentale poiché l’osso non sarebbe in grado di supportarlo.

Quando questo accade si può ricorrere a diverse soluzioni a seconda del caso: una sono gli impianti zigomatici, impianti dentali che vengono caricati sull’osso dello zigomo.

Gli impianti zigomatici però vengono presi in considerazione solo in caso di importanti atrofie del mascellare superiore dove non è possibile mettere in pratica le tecniche di rigenerazione ossea che danno la possibilità anche a chi soffre di gravi deficit ossei di potersi sottoporre a un intervento di implantologia.

La rigenerazione ossea (o rigenerativa ossea o ricostruzione ossea) però, non viene applicata solo nell’implantologia; ci sono altri casi che portano i pazienti ad avere bisogno di rigenerare l’osso della mandibola o della mascella, sebbene non abbiano bisogno di un impianto dentale (ad esempio nel caso dell’aumento delle creste ossee a scopo protesico).

Dottor Sergio Migliorati

Per conoscere le tecniche di rigenerazione ossea più comuni e ciò che porta i pazienti ad averne bisogno abbiamo intervistato il dottor Sergio Migliorati, dottore in Odontoiatria e Protesi Dentaria che si occupa di Parodontologia e Implantologia nello studio BlueSmile di Vimercate dal 2013.

Quali sono i casi in cui è necessario un intervento di rigenerazione ossea?

Molto spesso questi interventi vengono eseguiti in pazienti che hanno bisogno di un impianto dentale ma che non hanno un osso che possa supportarlo in maniera adeguata; questo succede ad esempio in pazienti anziani che sono stati molto tempo senza denti poiché – se l’osso non viene stimolato dalla dentizione – con il tempo può riassorbirsi, oppure nei casi di estrazioni in zone estetiche (nella parte anteriore) dove il riassorbimento naturale della cresta ossea può creare un inestetismo dopo il posizionamento di un impianto e della sua corona.

Tuttavia ci sono altre situazioni che determinano una perdita di osso che può risolversi con la rigenerazione ossea:

  • la parodontite
  • danni causati da traumi
  • osteoporosi
  • infezioni orali
  • fumo di sigaretta (il tabacco ha conseguenze negative sulla vascolarizzazione della zona e quindi influisce sfavorevolmente sulla qualità dell’osso)

Quali sono gli interventi di rigenerazione ossea più comuni?

Quelli più utilizzati sono gli innesti ossei che possono essere praticati senza l’ausilio di altri dispositivi oppure utilizzando membrane riassorbibili.

Leggi anche:  Terza età, fra casa e attività fisica regolare

 Nei casi più complessi, poi, può essere necessario utilizzare griglie in titanio (chiamate anche mesh) che, dopo qualche tempo, devono essere rimosse con un piccolo intervento.

Cosa sono gli innesti ossei?

Si tratta di piccoli trapianti ossei; l’osso trapiantato può venire dallo stesso paziente (innesto autologo) oppure da biomateriali di origine sintetica o animale (innesto eterologo).

Nella clinica BlueSmile di Vimercate utilizziamo biomateriale di origine sintetica.

Gli innesti permettono di aumentare sia lo spessore che l’altezza dell’osso della mascella o della mandibola dove si deve caricare l’impianto; sono molto utilizzati soprattutto nell’osso della mascella con la tecnica chiamata rialzo o elevazione del seno mascellare.

Con questa gli innesti ossei dopo qualche mese dall’intervento (di solito quattro / cinque mesi ) è possibile raggiungere il livello di quantità ossea necessario per caricare un impianto.

Cosa sono le membrane per innesti?

Non sempre l’integrazione dell’innesto nella mascella o nella mandibola è automatica; a volte è necessario utilizzare delle membrane che sostengono il trapianto in modo tale che questo non si muova finché non è del tutto integrato con il resto dell’osso.

Le membrane possono essere sintetiche (come quelle che usiamo nella clinica BlueSmile) o di molecole biologiche come il collagene.

Queste membrane sono riassorbibili, quindi non è necessario rimuoverle in un secondo momento poiché vengono assorbite dall’osso.

Perché si usano le mesh in titanio?

Queste griglie in titanio sono necessarie nei casi di rigenerativa ossea più complessi, quando le membrane riassorbibili non sono abbastanza contenitive.

Dopo circa quattro / cinque mesi da quando vengono messe al paziente devono essere rimosse con un breve intervento.

Come si può sapere se soffriamo di perdita ossea?

Per saperlo è necessario sottoporsi a una TAC tridimensionale delle arcate dentarie che consente di avere una visione molto dettagliata della condizione e spessore dell’osso residuo e della sua qualità, tutti fattori che incidono nella decisione della eventuale tecnica di rigenerazione ossea da applicare.

Prima della TAC, come sempre, è necessaria una prima visita conoscitiva durante la quale il dentista può valutare la situazione del cavo orale del paziente e valutare il trattamento più idoneo a seconda del caso specifico.

Nel centro BlueSmile di Vimercate abbiamo la possibilità di eseguire la TAC direttamente in sede.

Vuoi metterti in contatto con lo studio BlueSmile di Vimercate?

  • Chiamaci al numero 039 5965950
  • Mandaci una mail all’indirizzo vimercate@bluesmile.eu
  • Vieni a trovarci in studio: Via B. Cremagnani, 1 (lunedì – venerdì 9:00 – 20:00 e sabato 9:00 – 13:00)
  • Scrivici su Facebook
  • Seguici su Instagram
  • Direttore Sanitario Dott. Carlo Galbiati