Tornare a muoversi con il wakeboard? Avete voglia di qualcosa di alternativo per tornare a muoversi dopo un’estate di ozio? Nessun problema, la risposta si chiama wakeboard! Si tratta di uno sport acquatico da tavola, nato dalla fusione fra lo sci nautico e lo snowboard. E’ un fenomeno in ascesa e vediamo dunque come funziona.

Tornare a muoversi con il wakeboard

Il rider, così è chiamato chi pratica il wakeboard, è trainato sull’acqua di un lago da una corda e da un bilancino. Quest’ultimo gli permette di eseguire curve, salti e manovre varie. Sulla facciata superiore della tavola si trovano degli attacchi che permettono al rider di restare attaccato. Attenzione, ci sono dei particolari che non vanno scordati: il wakeboard è uno sport dall’apprendimento rapido, adatto a tutte le fasce d’età e a tutti i livelli d’esperienza. Se ancora non vi convince sappiate che esistono anche altri sport acquatici che è possibile praticare.

E poi c’è il wakeskate

Avete mai sentito parlare del wakeskate? Si tratta di una variante dello wakeboard e in questo caso la tavola non presenta attacchi ma solamente un grip antiscivolo sul quale il praticante è appoggiato. Le manovre che si eseguono sono molto più simili allo skateboard, da cui ha preso la denominazione. In genere l’offerta sportiva delle strutture che propongono wakeboard e wakeskate si completa con il grande classico dello sci nautico, vero e proprio «patrono» delle due discipline più moderne.