L’AC Monza veste Philipp Plein. I due brand insieme per una partnership triennale che contribuisce a proiettare il club calcistico di Fininvest in una dimensione internazionale. Tanto che, per la firma dell’importante contratto avvenuta questa mattina nell’atelier di Lugano del celebre stilista, si sono scomodati Silvio Berlusconi in persona e lo stesso Philippe Plain, l’Ad Adriano Galliani e al presidente del club biancorosso Paolo Berlusconi.

AC Monza veste Philipp Plein, il club più «rock» della Serie C

A prima vista, può sembrare che la nuova filosofia dell’AC Monza e lo stile energico e talvolta egocentrico – caratterizzato dall’iconico teschio – di Philipp Plein siano poco conciliabili tra loro. Ma poi ci si accorge che il progetto sportivo di Silvio, Paolo Berlusconi e Adriano Galliani in realtà è molto «rock», proprio come «rock» è la matita dello stilista tedesco. Perché, pensandoci bene, grinta e determinazione in campo non sono affatto in contrasto con i valori della correttezza e della sportività sia nel nel rettangolo di gioco che fuori da esso.

Silvio Berlusconi e Philipp Plein alla conferenza stampa di presentazione della partnership tra AC Monza e il brand del lusso con sede a Lugano. Nella foto sulla sinistra Adriano Galliani e a destra Paolo Berlusconi

Berlusconi, «Ammiro Philipp perché lavora al suo sogno»

Dopo la breve introduzione del padrone di casa, prendere la parola è Silvio Berlusconi che rivela di aver sempre seguito con ammirazione l’attività del giovane stilista tedesco. «Lo ammiro perché è uno che lavora tanto per realizzare il sogno di intervenire in un settore complicato come la moda e ci sta riuscendo. E’ fautore di una eleganza personalizzata che proporrà anche per le divise dei nostri ragazzi. Apprezzo inoltre le sue capacità imprenditoriali, doti che ha messo in luce riuscendo a risollevare le sorti del marchio italiano Billionaire».

«Il Monza, una società modello che dovrà incantare il pubblico»

«Il Monza – ha detto Berlusconi – dovrà essere una squadra modello, con giocatori che scendono in campo non scapigliati e senza tatuaggi, educati, pronti a chiedere scusa e rispettosi dell’arbitro e del pubblico. Soprattutto devono proporsi in ogni gara come padroni del campo, conquistando il pubblico con il gioco. L’altro giorno a Villa Gernetto abbiamo toccato punti che sembrano di poca importanza ma non lo sono. Autografi leggibili, selfie che rendano orgogliosi i tifosi con semplici gesti, piccole cose che sono molto lontane dal comportamento attuale di molti, troppi giocatori di oggi. L’AC Monza spero che diventi il modello di un calcio migliore da presentare ai nostri giovani».

Philippe Plain, «Insieme costruiremo un brand»

Lo stilista tedesco, dal canto suo, rivela di voler contribuire in modo decisivo alla costruzione del brand Monza: «Il business del calcio è legato ai brand. Personalmente ne ho già costruiti diversi e questo percorso lo voglio fare anche insieme a Silvio Berlusconi e al suo staff. Un cammino che dovrà essere legato al sogno e alle emozioni. Non solo moda e capi d’abbigliamento, ma insieme costruiremo la nuova immagine del club. Ho conosciuto tanti dirigenti sportivi bravissimi nel loro lavoro, ma non altrettanto nel fare del loro prodotto un brand in grado di essere appetibile dal mercato. Lavoreremo duramente per centrare questo obiettivo».

Leggi anche:  Copia "autentica" della Gioconda scoperta da un senatore lombardo
Silvio Berlusconi e Philipp Plein firmano il contratto che lega il club biancorosso e il brand del lusso per tre anni

Paolo Berlusconi, «Obiettivo Serie A»

«L’esserci legati a uno stilista tanto prestigioso e conosciuto nel mondo, esperto nella gestione di club di livello internazionale, è la dimostrazione più evidente della nostra simpatia nei suoi confronti – afferma il presidente del Monza – Philipp Plein propone una moda giovane, energica e aggressiva come dovrà essere la nostra squadra, senza dimenticare le mission che ci ha dato mio fratello, cioè giocare bene rispettando gli avversari e valori dello sport. Unendo aggressività e sportività considereremo il prossimo campionato di Serie C come un momento di passeggio da superare con slancio per poi porci l’obiettivo della Serie A. Tutto questo per fare un regalo a Monza e ai monzesi».

Adriano Galliani, «un orgoglio essere scelti da Philipp»

«Sono veramente orgoglioso che Philipp abbia scelto di vestire tutta la società, giocatori e dirigenza – afferma l’amministratore delegato del Monza (ormai consueta ma sempre simpatica la gaffe iniziale in cui Galliani si presenta ai giornalisti prima come Ad del Milan, per poi correggersi: «Del Monza, scusate») – Il suo brand si adatta benissimo a una squadra di calcio. E’ aggressivo, ma anche pieno di buoni propositi. Ha sponsorizzato la Roma, da poco il Monaco, a breve annuncerà un altro top club. Credo che la nostra sinergia sarà molto proficua. Sono contento che tra Silvio e Philipp sia subito scattata l’empatia. L’obiettivo è quello di crescere insieme».

AC Monza veste Philipp Plein, abiti ispirati al mondo dello sport

Gli abiti saranno eleganti e funzionali. In tutti i capi il total black lascerà spazio a dei piccoli tocchi di rosso: dall’iconico teschio sul rever della giacca, al bordo degli accessori, fino al colletto della camicia, oltre al logo“AC Monza” sul petto dei capispalla.
Anche l’attento utilizzo dei migliori materiali e delle finiture rispecchiano appieno il Plein look: lettering gotico sui suit dal taglio impeccabile e sul cappotto, abbinati a scarpe oxford lucide in vitello abrasivato con dettagli a contrasto. A completare l’immagine ecco la tote bag in croco stampato. Insomma, sarà un Monza elegante, senz’altro di categoria superiore. Almeno si spera.

Dopo la conferenza stampa – Video

Dopo la conferenza stampa Silvio Berlusconi, Paolo e Adriano Galliani si sono concessi brevemente ai giornalisti. Silvio ha indicato il modulo che la squadra adotterà il prossimo anno («Con la mezzapunta e le due punte il Milan ha vinto tutto, vinceremo anche a Monza»), Paolo ha fatto il punto sul presente e il futuro del club, mentre Adriano ha parlato brevemente del mercato del Monza e del girone A della Serie C in cui il club è stato inserito.