Uno degli elementi cardine per una dieta da sportivi è la bresaola. Il più magro dei salumi, accompagnato da frutta, verdura e carni magre, garantisce un’alimentazione sana. E tutto ciò è perfetto per chi fa attività fisica. Si tratta infatti di una sorta di “integratore casalingo”, naturale, capaci di prepararci prima dell’allenamento ma anche di farci recuperare dopo lo sforzo. Secondo i dati Doxa/Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina, ben 8 italiani su 10 la portano in tavola abitualmente.

Dieta da sportivi, il ruolo della bresaola

In sostanza per fare sport il nostro corpo ha bisogno di un grande apporto di proteine, ma anche di aminoacidi ramificati, fondamentali per le nostre fibre. È proprio qui che entra in gioco la bresaola, alimento da sole 151 calorie per 100 grammi di prodotto. Un panino standard (50 grammi di pane e 75 di bresaola) si compone di pochi grassi, oltre 30 grammi di proteine e più di 5 grammi di aminoacidi ramificati. E non mancano sali minerali e vitamine. Il perché di questo gran quantitativo proteico è molto semplice. La lavorazione e la stagionatura a cui è sottoposta portano infatti ad un aumento della concentrazione proteica.

Prima e dopo lo sforzo

Grazie alla sua digeribilità la bresaola è perfetta anche consumata un paio di ore prima dell’allenamento o dell’attività fisica. In modo analogo è ideale per il post sforzo, quando l’organismo necessita di recuperare, ossia quando il fabbisogno proteico è elevato. Sulla quantità da consumare si può discutere. Sono tanti i fattori che influiscono su questa variabile, ossia sesso, età, struttura fisica e tipologia di sport svolto. Da tenere ben presente che, nonostante si tratti di un alimento perfetto per un’alimentazione sana, è sempre bene evitare inutili eccessi.

Leggi anche:  La pizza fa bene al nostro organismo, senza esagerare!

La bresaola IGP della Valtellina

Una volta appurata l’importanza della bresaola nella dieta da sportivi, andiamo a vedere perché scegliere proprio quella della Valtellina. Stiamo parlando di un salume a indicazione geografica protetta (IGP), che si ottiene dalla carne di manzo, salata e stagionata. I produttori certificati della Provincia di Sondrio si attengono al Disciplinare di Produzione e oggi la vendita avviene persino online. Le caratteristiche chiave sono l’elevata qualità delle carni, l’utilizzo di tagli di prima categoria, tratti dalla coscia di bovini di razze selezionate di età non inferiore ai 18 mesi, preferibilmente allevati all’aperto e al pascolo e nutriti con alimenti selezionati.