Paolo Galbiati è di nuovo il capo allenatore della Fiat Torino.

Precedente di alto profilo

Il tecnico di Concorezzo aveva già guidato la squadra del capoluogo piemontese durante la scorsa stagione agonistica, portandola anche alla clamoroso vittoria della Coppa Italia nella Final 8 che si svolse a Firenze a febbraio. Anche in quell’occasione Galbiati era subentrato a cammino in corso, dopo aver cominciato l’annata come assistente di Luca Banchi. Poi, il brianzolo era stato capo allenatore dell’Auxilium fino al termine della stagione, con risultati altalenanti.

Subentra al guru

Stavolta Galbiati, che in estate era rimasto all’Auxilium tornando al ruolo di assistente, subentra nientemeno che al tecnico statunitense Larry Brown. L’ex allenatore, fra le altre, dei Philadelphia 76ers era sbarcato a inizio stagione a Torino, ma la sua Fiat non ha mai accelerato, portando così lui e la società piemontese alla separazione consensuale, dopo la sconfitta del giorno di Santo Stefano contro una Avellino in gravi difficoltà societarie.

Leggi anche:  Coop per lo sport, l'1 e 2 giugno tutti a Cassano D'Adda

Situazione complessa

Il concorezzese, che sarà assistito da Stefano Comazzi (la Fiat si è separata anche dall’assistente personale di Brown, Dante Calabria), prende in mano le redini di una squadra che in questi giorni viene ridisegnata in sede di mercato e i cui risultati finora non hanno proprio convinto (4 vittorie in 12 partite giocate finora in campionato). Il suo “nuovo esordio” da prima guida sarà domenica, sul campo della Vanoli Cremona.