Monza-Renate interviste in sala stampa. Dopo il commento a caldo di Berlusconi sul gol del pareggio, in sala stampa mister Brocchi si presenta deluso per il risultato finale, ma convinto dei mezzi della sua squadra.

 

Monza-Renate interviste, mister Brocchi

«Paghiamo due scelte sbagliate a partita ormai finita – afferma il mister – E’ un risultato che brucia perché per la prestazione della squadra  meritavamo la vittoria. Questo è il calcio, abbiamo pareggiato una partita che sicuramente meritavamo di vincere. Abbiamo fatto degli errori, dobbiamo analizzare quello che è successo, superarlo e dimenticare velocemente, ricaricare le pile e ripartire. Certo, vincere oggi sarebbe stato bello e  importante, ma è presto per guardare al Campionato. Questa sera un minuto e mezzo di black-out ci ha portato a prendere due schiaffi  che fanno male, ma una squadra forte deve saper reagire. Dire ora quale sia l’errore più clamoroso di quelli commessi nel finale significherebbe buttare la croce addosso a qualche ragazzo. Certo, con malizia e un po’ di furbizia in più la partita sarebbe dovuta finire sulla punizione impostata da D’Errico, ora invece ci resta l’arrabbiatura.  A Lamanna non ho detto nulla: a caldo non sono solito commentare, non sono solito attaccare un mio giocatore se sbaglia. Dobbiamo imparare a restare concentrati fino al triplice fischio».

L’allenatore del Renate Aimo Diana

Monza-Renate interviste, mister Aimo Diana

«In tutte le partite l’episodio è sempre in agguato – afferma l’allenatore neroazzurro – Siamo stati bravi perché non abbiamo “sbragato” e sul 2 a 0  abbiamo comunque tenuto la partita. Nei 90′ minuti abbiamo cambiato tante volte modo di giocare, i ragazzi sono stati bravissimi e chi è subentrato si è comportato bene. Non siamo pronti per partite di un certo livello, ma abbiamo dimostrato di crederci fino in fondo e di essere compatti. Il nostro obiettivo stasera era quello di far vivere ancora un po’ il campionato; l’avevo detto ai ragazzi prima di cominciare e loro sono stati beravissimi, se avessimo potuto contare ancora su un paio di minuti forse l’avremmo anche vinta. Questo Monza è fortissimo, ma se abbassa il livello può subire anche lui. Guardando in casa nostra siamo felici perché dopo Novara questo pareggio è prezioso per la nostra strada. Abbiamo provato a fare la partita e a rimetterla nei binari giusti. Dopo il triplice fischio siamo usciti dal campo applaudendo la tribuna perché durante la partita abbiamo ricevuto parecchi insulti: se abbiamo offeso qualcuno ci scusiamo, come scusiamo anche chi ci ha offeso».

Leggi anche:  Monza-Renate la partita in diretta. Finisce 2 a 2: biancorossi stregati dalle pantere in pieno recupero
Piergiuseppe Maritato

Piergiuseppe Maritato, autore del pareggio del Renate

«Per la seconda volta decisivo nel derby? Fa piacere per la squadra, per come ci alleniamo durante la settimana e per i consigli che ci dà il mister. Oggi ci tenevamo a fare bene, siamo venuti per giocarcela, siamo stati bravi a giocare fino in fondo. Il gol del 2 a 2 è nato da una palla respinta da Lamanna: sono stato bravo a trovare la porta spalancata davanti a me. Non ricordo di aver mai segnato altri gol al 95′ accompagnati da tutte queste emozioni. Tra tutte le squadre più accreditate per la promozione credo che il Monza sia quella più forte. Oggi in B senz’altro non sfigurerebbe».