Serie C Monza-Pordenone 0 a 2. Niente da fare, neanche in superiorità numerica per oltre mezz’ora il Monza  riesce a conquistare la prima vittoria dell’era Berlusconi al Brianteo. Il credo di gioco di mister Brocchi fatica a far breccia nei giocatori biancorossi che sembrano aver smarrito punti di riferimento in campo. Pochi i palloni giocabili per gli attaccanti. Forse da oggi è bene vivere alla giornata, senza porsi obiettivi altisonanti.  Pochi applausi e tanti fischi dagli spalti. Un plauso invece al Pordenone, che dopo i risultati balbettanti dell’ultimo periodo, conquista un’ottima vittoria su un campo importante.

Il tabellino

MONZA: 33 Guarna; 25 Adorni (5 Riva), 19 Caverzasi, 23 Negro (11 Reginaldo), 7 Origlio; 6 Palesi (4 Galli), 8 Guidetti (cap.), 27 Giudici; 10 D’Errico, 32 Iocolano (30 Ceccarelli), 9 Cori. (A disp. 12 Sommariva, 14 Giorno, 16 Brero, 20 Tomaselli, 21 Brignoli, 24 Tentardini, 29 Andreoli,  31 Otelè Nnanga) All: Brocchi

PRODENONE: 1 Bindi; 25 Florio, 6 Barison, 4 Stefani (cap.), 3 De Agostini; 21 Misuraca (26 Bassoli), 8 Burrai, 7 Gavazzi, 10 Berrettoni (15 Damian); 27 Candellone  (17 Magnaghi), 12 Ciurria (A disp. 22 Meneghetti, 9 Germinale, 18 De Anna, 20 Bertoli, 23 Cotroneo, 28 Cotali) All. Tesser

MARCATORI: 7′ pt Candellone, 40′ st Magnaghi

AMMONITI: Negro (M), D’Errico (M), Gavazzi (P), Bindi (P)

ESPULSO: 16′ stGavazzi (P)

SPETTATORI: 2.353 (1.132 paganti, 1.011 abbonamenti) per un incasso di 11.715,43 euro

Sala stampa, Attilio Tesser allenatore Pordenone

«E’ stata una vittoria importante ottenuta contro una squadra forte. Avevamo perso lunedì una partita in modo immeritato, per questo ho chiesto ai miei di giocare con tutta la motivazione possibile oggi. In precedenza avevamo perso due partite interne esprimendo il miglior calcio. Per questo oggi era importante vincere. Sappiamo di non essere la Juventus e che dobbiamo lavorare molto. Che il Monza ci possa essere superiore è dunque abbastanza normale. Tuttavia anche quando in 10 ci siamo abbassati e gli avversari hanno premuto, non hanno però saputo creare importanti azioni da gol».

Simone Magnaghi, marcatore della seconda rete del Pordenone

«Nel primo tempo abbiamo speso parecchie energie. Nel secondo l’espulsione ha cambiato gli equilibri e con l’uomo in meno ci siamo abbassati. La rete nel finale ci ha permesso di affondare definitivamente il Monza. Sento parlare in modo un po’ troppo negativo intorno alla squadra. Avendo sempre fatto ottime prestazioni penso  occorra essere più lucidi  nel giudicare le prestazioni. Quella di oggi è una vittoria preziosa contro una buonissima squadra. Vorrei sottolineare più i nostri meriti che i demeriti del Monza».

Leonardo Candellone, marcatore prima rete del Pordenone

«Il Lancio di Berrettoni è stato molto invitante. In settimana abbiamo provato questa soluzione vedendo loro schierati con quattro dietro e avendo noi due punte veloci. Sapevo dove sarebbe arrivata la palla e sono stato bravo a finalizzare la rete. Le prestazioni anche prima c’erano, per questo era nell’aria che si potesse fare qualcosa in più oggi. Per noi l’importante era dare una prova di maturità».

Cristian Brocchi, allenatore Monza

«Ho preferito il Monza del secondo tempo a quello del primo. Purtroppo in questo momento la squadra ha un po’ di timore nel giocare in casa. E’ una squadra che dal punto di vista mentale non è forte, che ancora non ha il sangue che vorrei vedere nei miei giocatori. Durante la settimana i ragazzi si allenano benissimo, ma durante la partita non mettono in campo quella cattiveria agonistica che ti permette di vincere i duelli. Purtroppo abbiamo iniziato sbagliando qualche semplice giocata, abbiamo preso gol alla prima occasione andando un po’ in apprensione. Nel secondo tempo, prima ancora che loro restassero in dieci, siamo usciti noi, abbiamo alzato il baricentro, abbiamo iniziato a trovare la superiorità numerica, però poi è mancata la fame di gol. Quest’ultimo è un problema che questa squadra ha, è un problema da gestire e superare. In area di rigore bisogna avere cattiveria e furbizia, noi invece siamo leggeri, poco cattivi, soffriamo il duello e questo ci porta a essere poco incisivi in zona gol. Forse è meglio non sia arrivato il pareggio, dobbiamo capire che per giocare a calcio ci vuole la voglia di vincere. La voglia di lottare nei duelli ed essere aggressivi ma puliti nei duelli. Tutto questo, non ho paura di dirlo, l’ho notato solo in Riva quando è entrato. Nelle quattro partite che ho fatto fin’ora, in casa abbiamo affrontato le due squadre più complete, la Ternana e il Pordenone. Oggi loro sono stati bravi a gestire la partita, cosa che a noi manca». Sui tifosi: «Dobbiamo capire che i tifosi che ci hanno sostenuto dal primo all’ultimo minuto devono essere per noi un valore aggiunto. Sono gli altri che devono aver paura di giocare al Brianteo, non noi a dover temere il nostro stadio». Sull’esordio di Guarna, nuovo portiere biancorosso: «Non mi sembra che Guarna abbia ruggine e non mi sembra abbia colpe sui due gol. Ha invece dimostrato una forte personalità mettendo i palloni giusti sui piedi dei nostri giocatori, facendo partire al gioco da dietro. Questo per me è molto importante».

Leggi anche:  Segna Artaria, ritorna il Seregno

Serie C Monza-Pordenone 0 a 2

Termina dopo 4 minuti di recupero la sfida tra Monza e Pordenone. I ramarri si aggiudicano l’intera posta in palio, il Monza ha dominato per gran parte del secondo tempo senza mai trovare la via della rete. Praticamente nulli i rifornimenti per gli attaccanti.

40′ st raddoppio di Magnaghi

Il Monza proteso in avanti si fa sorprendere dai friulani che con Magnaghi, il cui tiro da dis

tanza ravvicinata s’infila sotto la traversa, raddoppiano. Monza 0, Pordenone e 2

30′ st Monologo biancorosso

Da quando i ramarri sono rimasti in dieci i biancorossi si sono riversati nella metà campo avversaria. Tante le azioni, ma nessuna tale da mettere veramente in allarme Bindi. Al 23′ D’Errico serve l’accorrente Giudici che manca di poco il bersaglio.

16′ st un espulso

Pordenone in dieci per l’espulsione di Gavazzi. Secondo giallo per aver trattenuto Giudici.

15′ st Monza spinge, Pordenone di rimessa

Il Mona mantiene il pallino del gioco, ma è il Pordenone a farsi pericoloso di rimessa. Al’11’ nel giro di pochi secondi Berrettoni e Gavazzi al termine di pregevoli lavori individuali mancano il raddoppio per un soffio.

45’+1′ Finisce il primo tempo

Dopo aver subito il gol all’8′ il Monza si è proiettato alla ricerca del pareggio, ma tutti i tentativi portati a termine dai ragazzi di Brocchi si sono rivelati vani. Nonostante la buona volontà sono stati però i ramarri a rendersi più pericolosi nell’ultimo quarto d’ora. Da segnalare incursioni dei friulani al 35′ con un tiro respinto da Guarna, al 37′ un tentativo di Ciurria che finisce in curva e al 41′ una conclusione  di Berrettoni, deviato e parato dall’estremo difensore. Al tè, Pordenone in vantaggio con una rete di scarto.

30′ Monza cerca il pari

Vari spunti sul taccuino a firma biancorossa. Al 18′ Iocolano tira da fuori, para Bindi. Al 24′ D’Errico semina il panico nell’area avversaria, senza però trovare un compagno che finalizzi la sua azione. Al 29′ tiro di Adorni pescato dal solito D’Errico. Tiro dai 25 metri che Bindi neutralizza.

15′ Partita vivace, ma il Monza perde

I biancorossi sotto di una rete dall’ottavo minuto sono comunque protagonisti di una partita vivace contro un avversario ben messo in campo. Da segnalare il solito D’Errico che al decimo minuto ha seminato il panico nell’area avversaria. Dal corner seguente, nulla di fatto.

8′ Gol del Pordenone

All’8′ segna Candellone. Spunto dell’attaccante friulano che coglie impreparata la difesa biancorossa e supera Guarna agevolmente. Monza 0, Pordenone 1.

 

Serie C Monza-Pordenone, il prepartita

I biancorossi tornano oggi in scena al Brianteo contro un avversario di rango, dopo la buona prestazione di domenica scorsa in trasferta contro la Vis Pesaro (1 a 1 il risultato finale).

Squadre in campo dalle 14.30 agli ordini del sig. Alberto Santoro della sezione AIA di Messina, assistito dai signori Domenico Fortemurato di Roma e Amir Salama di Ostia Lido. Come sempre pubblichiamo foto, episodi salienti dell’incontro e le voci dallo spogliatoio. Stay Tuned!

Qui Monza. Mister Brocchi non potrà far conto su Barba e Jefferson, mentre tra i pali esordirà la new entry Guarna dopo che Liverani è stato messo fuori rosa.
I convocati. Sommariva, Guarna, Galli, Riva, Palesi, Origlio, Guidetti, Cori, D’Errico, Reginaldo, Giorno, Brero, Tomaselli, Brignoli, Caverzasi, Negro, Tentardini, Adorni, Giudici, Andreoli, Ceccarelli, Otelè, Iocolano.
La probabile formazione. Guarna; Adorni, Caverzasi, Negro, Origlio; Palesi, Guidetti, Giudici; D’Errico, Iocolano, Cori.

Qui Pordenone.  Sono venti i convocati da mister Tesser, da segnalare la presenza degli ex Burrai e Bindi. Squalificati Semenzato e Bombagi.
I convocati. Bindi, Meneghetti; Barison, Bassoli, Cotroneo, De Agostini, Florio , Stefani; Burrai, Cotali, Damian, De Anna, Gavazzi, Misuraca; Berrettoni, Bertoli, Candellone, Ciurria, Germinale, Magnaghi.
La probabile formazione: Bindi; Florio, Barison, Bassoli, De Agostini; Misuraca, Burrai, Gavazzi, Berrettoni; Candellone, Ciurria.