World Roller Games: risultato storico per il Pattinaggio Cornate d’Adda che vola a Barcellona. Due le atlete brianzole convocate.

World Roller Games: risultato storico per il Pattinaggio Cornate d’Adda

Le convocazioni ufficiali del Commissario Tecnico, Fabio Hollan, pubblicate sul sito FISR (Federazione Italiana Sport Rotellistici) hanno letteralmente travolto di gioia il Pattinaggio Cornate d’Adda che sigla una doppietta storica con due atlete convocate ai World Roller Games che si svolgeranno a Barcellona dal 4 al 14 luglio.

Due atlete convocate

Gioia Belloni rappresenterà l’Italia nella categoria Juniores specialità obbligatoria mentre Michela Cima, dopo un meraviglioso terzo posto ai nazionali appena conclusi a Ponte di Legno, gareggerà con le migliori atlete al mondo nella massima categoria specialità libero.

L’allenatore “Meritano questa occasione”

“I risultati ottenuti ai Campionati Italiani facevano ben sperare ma niente era scontato – afferma Michele Terruzzi primo allenatore del Pattinaggio Cornate e Tecnico Federale – Sono molto contento per entrambe le ragazze che meritano questa convocazione e soprattutto meritano di vivere un’esperienza unica che pochi in carriera possono vantare. Ho già parlato chiaro con entrambe: godetevi ogni goccia di sudore che dovrete versare in queste 3 settimane perché saranno sacrifici che vi porterete dentro per tutta la vita”.

Leggi anche:  CorriBicocca 2019: al via domenica 20 Ottobre

I numeri dell’evento di Barcellona

Non capita infatti tutti i giorni di essere scelti per Il più grande evento rotellistico mondiale che sia mai stato organizzato: 4.120 atleti, 81 Paesi provenienti dai 5 Continenti, 11 discipline, 13 impianti dislocati in 5 diverse città spagnole partendo dall’ex villaggio olimpico sul colle Montjuic di Barcellona dove ci sarà anche il Palaroller dell’artistico.

La Presidente “I sogni ogni tanto si avverano”

“Numeri che per il nostro sport fanno letteralmente rabbrividire” – afferma Valentina
Merlo Presidente del Pattinaggio Cornate d’Adda. “Non solo i nostri atleti non sono abituati a certi palcoscenici, ma nemmeno si rendono conto dell’entità dell’evento a cui andranno a partecipare. Sono sinceramente onorata di rappresentare questi atleti con i loro allenatori e mi sento in dovere di ringraziare questi genitori che, come tanti altri, da anni fanno enormi sacrifici per sostenere i propri figli nelle loro passioni e nei loro sogni. E ogni tanto i sogni si avverano…”