Camion-ariete contro la vetrina, razzia di bici a Cesano Maderno. Una banda organizzata ha sottratto ventuno biciclette da “Alby bike” di corso Libertà.

Camion-ariete contro la vetrina, razzia di bici a Cesano Maderno

Hanno sfondato la vetrina del negozio e hanno rubato ventuno biciclette. Un colpo da 50mila euro quello alle prime ore di venerdì ai danni di “Alby bike” di corso Libertà a Cesano Maderno.
L’allarme anti-intrusione è scattato alle 5.17. I malviventi, cinque o sei persone, sono arrivati davanti al negozio a bordo di un’auto e un furgone. Hanno usato il furgone per sfondare la vetrina e hanno aspettato un paio di minuti che il fumogeno attivato dal sensore anti-intrusione si disperdesse nell’aria. Una volta nel negozio, hanno caricato sul furgone-ariete ventuno biciclette (tre in alluminio e le altre in carbonio). Hanno identificato le più costose, arrivando persino a «strapparne» alcune dai ganci che le fissavano al soffitto.

Un residente e il titolare hanno allertato i carabinieri

Ricevuta la notifica dell’intrusione sul cellulare, il titolare, il sevesino Alberto Sappa, 47 anni, si è precipitato in negozio. In una manciata di minuti era in corso Libertà, ma delle bici e dei ladri non c’era già più traccia. Immediato l’arrivo dei carabinieri, allertati da Sappa e, un paio di minuti prima, dall’unico vicino che, sentito il frastuono in strada, ha visto i ladri in azione e ha avvisato le forze dell’ordine.

Leggi anche:  Agli arresti domiciliari il 30enne che sabato notte investì e uccise Antonio Seria

In azione ua banda organizzata

Il colpo è stato firmato da una banda tutt’altro che improvvisata. “Per otto minuti – spiega Sappa –  in strada non è passata una sola macchina. Lo dicono i filmati di una telecamera di videoserveglianza di un mio vicino. Vengo spesso molto presto in negozio: mai successo che alle 5 del mattino non passi nessuno per otto minuti. Credo che siano riusciti, non so come, a bloccare il traffico per il tempo necessario”.