Il gruppo Facebook Sei di Arcore se raccoglie fondi per i mezzi dell’Associazione del Volontariato vandalizzati questa notte. (leggi qui)

Un bellissimo gesto di solidarietà

Infatti gli admin della pagina Facebook “Sei di Arcore se…” hanno deciso di lanciare una raccolta fondi per aiutare l’Associazione del volontariato a far fronte alla sostituzione di tre pneumatici tagliati durante la notte ad altrettanti mezzi utilizzati dal sodalizio.

L’appello degli Admin

ATTENZIONE GRUPPO!!
Questi sono i momenti in cui c’è bisogno di tutti noi e speriamo che lo spirito di collaborazione e di solidarietà siano più potenti che mai!
Avete letto dell’ignobile e vergognoso gesto contro i mezzi di trasporto del servizio di volontariato: gomme tagliate e un grosso e dispendioso danno per sostituirle.
Diamo una mano?
Contribuiamo, anche con una piccola offerta?
Con una donazione possiamo essere d’aiuto, un aiuto concreto!
Ci siamo consultati con l’Assessore Roberto Mollica Bisci che ci ha fornito il contatto di Stefano Viganò Presidente dell’Associazione del volontariato di Arcore.
Ci ha inviato le coordinate che ognuno di noi potrà utilizzare per donare, per mostrare che Arcore ha il cuore grande!
L’unione fa la forza e noi ci crediamo!
Grazie, Admins.
l’Iban dell’Associazione del volontariato di Arcore e’:
IT56T0558432430000000018049 presso Banca Popolare di Milano, agenzia di Arcore
Il codice fiscale, per chi volesse devolvere il 5 per mille e’:
94003380154

Leggi anche:  La Serra del Volontariato di Arcore cerca aiuto

Forza, aiutiamo concretamente!

Il duro richiamo del sindaco

Dura la reazione del primo cittadino Rosalba Colombo

“Un gesto incivile, indegno, intriso di stupidità e livore.  Cosa arma la mano di chi ha tagliato le gomme di mezzi del volontariato? E soprattutto quale testa può elaborare e mettere in atto un gesto simile? Ora tutti si faranno in quattro per condannare, bene. Ma è questa la società che abbiamo costruito? Che stiamo costruendo? Faccio mio e ripropongo a tutti voi, cari cittadini, il tema attorno al quale dovremmo riflettere: attenzione alla banalità del male. Non diamola per scontata. Abbiamo visto nella storia come è finita”, ha scritto Rosalba Colombo.