Sottopasso di Meda – In arrivo 9 milioni da Regione Lombardia. Corbetta (Lega): “Un’ottima notizia per Meda e tutto il territorio. Ora velocizzare i tempi di costruzione”.

Dalla Regione finanziamento per il sottopasso di Meda

Da Regione Lombardia arriva il finanziamento di 9 milioni per la realizzazione del sottopasso di Meda. Si tratta di risorse contenute nella delibera per il potenziamento e sviluppo della rete ferroviaria regionale approvata dalla giunta regionale, per un totale di 112 milioni.

“Si tratta di una partita”, spiega il consigliere regionale Alessandro Corbetta, “che stiamo seguendo da tempo con il sindaco di MedaLuca Santambrogio e gli assessori regionali Terzi e Caparini. Stiamo parlando di un’opera infrastrutturale che era già stata prevista dai lavori per Pedemontana, ma che ancora non ha visto la luce in quanto mancava la copertura economica e la certezza che i lavori per la realizzazione dell’autostrada proseguissero. Grazie al finanziamento di Regione Lombardia quest’opera vedrà finalmente la luce, anticipando quindi i lavori di anni”.

Leggi anche:  Matteo Morandi incanta ancora alle parallele, guarda il VIDEO del suo allenamento

Realizzazione finale entro l’estate 2022

In base a quanto annunciato dal consigliere regionale il cronoprogramma dei lavori prevede la fase di progettazione dell’opera entro la fine del 2019, dopodiché si passerà alla gara di appalto e all’inizio dei lavori nell’autunno 2020. La realizzazione finale è prevista per l’estate 2022.

Stop alle lunghe attese al passaggio a livello

Si tratta di “un’opera fondamentale per la viabilità di Meda e dei Comuni limitrofi; la costruzione di un sottopasso ferroviario tra le vie Cadorna e Seveso metterà fine ad una criticità che da anni affligge gli automobilisti brianzoli e soffoca il comune di Meda. Adesso – conclude il consigliere leghista – è necessario velocizzare i tempi accelerandone la realizzazione per decongestionare il traffico e fermare i disagi quotidiani di residenti, automobilisti e pendolari, costretti a lunghe e snervanti attese al passaggio a livello ferroviario”.