Diesel Euro 3, la Lega vuole deroghe. E’ presto.

Ultimatum

L’ultimatum è arrivato dal consigliere regionale Andrea Monti. Il rappresentante della maggioranza ha depositato questa mattina un’interrogazione. Destinatario, l’assessore all’Ambiente, Raffaele Cattaneo. “Lo invito a far presto con gli impegni presi. Occorre costituire rapidamente il tavolo di lavoro per determinare i parametri di esenzione dalle limitazioni dei veicoli diesel che percorrono un chilometraggio ridotto annuo. Questo perché i 30 giorni previsti dalla mozione approvata dal Consiglio regionale stanno per scadere”.  Monti, vice capogruppo della Lega al Pirellone, l’altra settimana era stato primo firmatario della mozione sul tema delle deroghe per gli Euro 3 diesel.

Fatti non polemiche

Il consigliere spinge per mettere sul tavolo fatti e noi polemiche. Tradotto, azioni immediate: “Credo sarebbe meglio evitare polemiche eccessive con il Ministero dell’Ambiente. Gli incentivi per la rottamazione, sebbene siano certamente qualcosa di utile, non risolvono affatto il problema che si è venuto a creare. Penso quindi che sia il caso di pensare meno al business delle sostituzioni e più alle risposte da fornire a quelle migliaia di cittadini e artigiani, giustamente inferociti, che dall’inizio di questo mese si sono ritrovati a piedi, senza alcuna spiegazione e nessuna soluzione”.

Leggi anche:  Muggiò piange l'ex sindaco Carlo Fossati e si prepara all'ultimo saluto

Campagna di informazione

Alla situazione di disagio e criticità, il Carroccio aggiunge la disinformazione diffusa che sta disorientando gli automobilisti potenzialmente interessati dal provvedimento. “Gli enti locali in diversi casi non stanno applicando il divieto rimandando alla Regione per maggiori chiarimenti”. Un’annotazione importante se si pensa che in tanti non sanno se e come possono usare le proprie auto e tale ondata di dubbi e incertezze si è riversata anche nelle piazze virtuali dei social network. “Per questo motivo ho presentato un’interrogazione all’assessore per chiedere se e come si intenda procedere per avere una maggiore informazione nei riguardi dei Comuni chiamati ad eseguire il blocco della circolazione dei diesel e se, eventualmente, gli stessi debbano approvare degli atti amministrativi finalizzati all’applicazione delle limitazioni”, ha concluso Monti.