Due donne salvano la vita ad undici pazienti.

Medici, tecnici ed infermieri impegnati nel week end in due eccezionali espianti di organi all’ospedale di Vimercate.

Un lavoro di equipe multidisciplinare, coordinato dalla dottoressa Simona Magni (coordinatrice degli espianti), che ha visto chirurghi, urologi, cardiologi, oculisti, radiologi, anestesisti lavorare in perfetta sintonia, portando a termine un impegnativo lavoro diventato ancor più eccezionale se si considera che è stato svolto in un week end.

I due interventi hanno consentito di prelevare 1 cuore, 2 fegati, 4 reni e 4 cornee

Il primo intervento è stato eseguito la notte di venerdì, dopo che i parenti di una donna giunta in pronto soccorso in arresto cardiaco hanno autorizzato il prelievo degli organi. Poche ore dopo l’equipe multidisciplinare di Vimercate è intervenuta per un altro espianto, sempre su una donna trasportata in pronto soccorso in fin di vita. A nulla è valso l’intervento dei sanitari per salvarla e, anche in questo caso i parenti hanno autorizzato il prelievo di organi che è avvenuto nella notte di sabato. I due interventi hanno consentito di prelevare 1 cuore, 2 fegati, 4 reni e 4 cornee.

Leggi anche:  Tasse e multe si pagano lavorando per la collettività

Il grazie del direttore generale Nunzio Del Sorbo

Gli organi sono stati poi inviati agi ospedali Niguarda, San Raffaele, Bergamo e Genova dove erano in attesa i pazienti a cui sono stati trapiantati. “Ringrazio tutto il personale per l’impegno profuso nell’affrontare, in un week end, queste due complesse emergenze. Ancora una volta sono state dimostrate le competenze e le professionalità di cui dispone l’ospedale di Vimercate” ha commentato il direttore generale Nunzio Del Sorbo.