Sacco blu, per Gelsia Ambiente l’avvio è stato positivo. I primi dati confermano, ancora una volta, l’eccezionalità del sacco blu con il microchip.

Ancora sacchi grigi in strada

Come ci si aspettava, molti utenti hanno continuato ad esporre il vecchio sacco grigio – anche perché era già stato preparato nelle precedenti settimane – ma i numeri rilevati nei primi giorni di raccolta sono davvero confortanti: giovedì, in zona A, sono stati raccolti 638 sacchi blu (per il 48% del peso totale raccolto), venerdì 560 sacchi blu (per il 60% del peso totale) e sabato 722 sacchi blu (per il 69% del peso totale).

Ridotto il quantitativo secco

Ma il dato più interessante è quello della riduzione del quantitativo totale di rifiuto secco raccolto e inviato all’impianto di trattamento: rispetto alle medie di raccolta a Desio, in zona A si è registrato un calo del 42%, in zona B e C del 55%, a conferma del fatto che il sacco blu porta ad una maggiore differenziazione del rifiuto da parte degli utenti. In questi giorni i sacchi non conformi non vengono ritirati e sono etichettati con appositi adesivi dagli operatori di Gelsia Ambiente, proprio per far comprendere a tutti i cittadini che il rifiuto secco indifferenziato va riposto nel nuovo sacco blu.

Leggi anche:  Bruciano i rifiuti nella notte, è mistero sul piromane

Continua la distribuzione straordinaria del sacco blu

Continua intanto la distribuzione straordinaria di sacchi blu presso la “Casa del Custode” del Palazzo Comunale (ingresso da Piazza don Giussani), dove oltre l’85% dei desiani si sono già recati a prendere la propria dotazione di sacchi. Dopo il 20 gennaio, questi potranno essere ritirati presso i distributori.