“La nuova palestra alla scuola primaria Tagliabue? Lavoriamo per aprirla dal prossimo anno scolastico”. Il sindaco Roberto Corti ha fatto il punto sulla futura struttura prevista per il quartiere San Giorgio.

Opera in ritardo di un anno

Due anni fa, quando venne lanciato il progetto, era previsto che la nuova struttura fosse pronta per l’inizio dell’anno scolastico 2018/2019. Le lezioni sono partite, ma la palestra, che andrà a sostituire la vecchia demolita la scorsa estate, ancora non c’è per ritardi accumulati nelle procedure di progettazione e appalto. L’iter, però, è finalmente in dirittura d’arrivo, considerato che questa settimana si chiudono i termini per la presentazione delle offerte per la gara d’appalto. Gara, lanciata a luglio, che parte da una base d’asta di circa 1.200.000 euro.

Il sindaco: “Lavoriamo per aprirla il prossimo anno scolastico”

“Una volta chiusa la gara, contiamo di arrivare alla aggiudicazione definitiva dell’opera entro fine anno, al massimo per i primi mesi del 2019 – ha fatto sapere il sindaco – Poi ci vorranno dai 6 agli 8 mesi per la realizzazione della struttura. Anche se nella definizione della graduatoria del bando sono previsti bonus per chi propone riduzioni nel planning. In ogni caso lavoriamo affinchè la palestra sia in funzione per il prossimo anno scolastico”.

Leggi anche:  Parco delle Groane, sopralluogo nel bosco dello spaccio

Struttura moderna a risparmio energetico a disposizione della scuola e delle associazioni

Rispetto a quella vecchia, la nuova palestra, pensata anche per l’utilizzo extrascolastico da parte delle associazioni sportive del quartiere di San Giorgio (che avranno un accesso indipendente rispetto al corridoio diretto con la scuola per gli alunni) sarà più grande e ruotata di novanta gradi. Più ampia, confortevole, modulata in modo da ospitare anche riunioni ed eventi ludici oltre che sportivi, ma anche più sostenibile dal punto di vista ecologico-ambientale: sarà infatti la prima struttura pubblica in legno, avrà un tetto verde con pannelli fotovoltaici, che garantirà sostenibilità ambientale oltre che risparmio energetico. Gli ambienti saranno inoltre illuminati con lampade a led.