Le tre «r» di Sebax: ridurre, riciclare e riutilizzare. Salviamo il pianeta dalla plastica. Un tormentone estivo per salvare l’ambiente. Dopo «Milano Expo», «Giubileo ee oo», il suo impegno contro l’abbandono dei cani e contro la violenza sulle donne, torna alla ribalta Sebastiano Fumagalli, il dinamico showman della compagnia «Arte e Spettacolo» meglio noto con il nome d’arte Sebax.

Basta abbandonare la plastica

Il suo ultimo singolo  si intitola «Plastica Sebax» e vuole rappresentare un chiaro messaggio contro ogni forma di degrado che l’essere umano riesce a compiere.

“Da qualche tempo avevo in mente di creare qualcosa per l’ambiente- spiega l’artista – Per questo ho deciso di dedicare un brano al nostro pianeta. Dobbiamo lasciare un mondo migliore alle future generazioni. Abbiamo prodotto un video su Youtube che può finalmente scuotere le coscienze, anzi stravolgere le abitudini di noi essere umani”.

Un omaggio alla 15enne Greta Thunberg

Il video è stato prodotto in collaborazione con l’autore Dario, al sax Gabriele mentre Michele e Virginia Fumagalli ci hanno guidato dalla regia. E non posso dimenticarmi di ringraziare Stefania Fumagalli che ha curato il progetto coreografico. Grazie anche a Jacopo e Davide del locale “b72″ di Biassono che ci hanno ospitati per le riprese. Siamo circondati da tanta inciviltà, gente che abbandona rifiuti dappertutto. Basta, è arrivato il momento di dire basta e di amare di più il nostro pianeta”.

Leggi anche:  Monza di Monza, sulle tracce di suor Virginia

E non poteva mancare una dedica speciale da parte di Sebax. «Il video vuole essere anche un grande omaggio alla 15enne Greta Thunberg – ha continuato Sebastiano – Tutto il mondo è con te cara Greta, tutti tifiamo per l’ambiente insieme a te. Tonnellate di plastica stanno contaminando i nostri mari. Spero vivamente in un mondo migliore quindi diamococi tutti quanti da fare. Cosa aspettiamo? Amici, famiglie, studenti e insegnanti: aiutatemi e guardate il video “Plastica Sebax” su Youtube”.

Alcune foto del backstage

Guarda il video

Clicca qui per guardare il video