Quante volte ci è capitato di sentire frasi come “sono solo pochi metri di strada” oppure “in macchina piange, preferisco tenerlo in braccio” o per i più grandicelli “basta legarlo con le cinture di sicurezza”.

Frasi che purtroppo ci dicono che c’è ancora molta strada o meglio molta comunicazione da fare sulle principali norme per il trasporto dei bambini in macchina. E su quanto sia importante rispettarle per prevenire incidenti, a volte davvero tragici.

Sicurezza bimbi in auto: cosa c’è da sapere

Proprio per questo, anche a fronte del terribile incidente di ieri a Monza in cui ha perso la vita un piccolo di sole due settimanenon sappiamo ancora se assicurato o meno al seggiolino –  vogliamo ripercorrere in breve cosa dice la normativa in proposito e quali sono le ultime novità, entrate in vigore proprio all’inizio del 2017.

I seggiolini auto sono obbligatori

La prima regola, fondamentale, è che i seggiolini sono obbligatori per legge e devono essere installati su tutte le auto in cui viaggia il bambino,  utilizzati in modo corretto, scegliendo il seggiolino giusto per l’età, il peso e l’altezza e posizionandolo in modo corretto. Il mancato rispetto di questa regola porta a una multa (da 81 a 323 euro) e alla detrazione di 5 punti dalla patente.

Trasporto del neonato e del bambino

Per i più piccolini, ovvero per i bambini fino ai 9 kg è previsto il trasporto in ovetto o navicella assicurati con appositi ganci, sui sedili posteriori e solo in senso opposto a quello di marcia. Si può invece mettere l’ovatto in direzione di marcia dai 9 kg in su assicurandosi che sia ben legato sia lui che il seggiolino alle cinture di sicurezza.

Attenzione agli airbag

Se la vostra macchina è dotata di airbag anteriore non mettete mai il seggiolino del neonato davanti. In caso di incidente e di scoppio del dispositivo di sicurezza l’impatto sul corpo di un bambino sarebbe troppo violento.

Le nuove norme

Il primo gennaio 2017 sono entrate in vigore le nuove norme sull’omologazione dei nuovi seggiolini per auto, pensate per aumentare la sicurezza dei più piccoli. In sostanza cambiano alcuni criteri sull’uso generale dei sistemi di ritenuta per i più piccoli, in particolare per quanto riguarda i parametri per i cosiddetti “rialzi”. Con l’inasprimento degli standard di sicurezza in auto, i cuscinetti senza braccioli da appoggiare sui sedili per sollevare il bimbo ad altezza delle cinture di sicurezza, in precedenza consentiti per bimbi tra i 15 e i 36 kg (spesso utilizzati nella fascia 4-6 anni), da gennaio di quest’anno sono vietati sino ai 125 cm di altezza. La nuova normativa vieta inoltre l’uso di rialzi o l’omologazione di seggiolini senza schienale per bambini di statura inferiore ai 125 cm.

Leggi anche:  Sicurezza sul lavoro: Regione Lombardia al fianco di Matteo Mondini

Il buon senso da non trascurare

E’ l’Adoc – Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori – a ricordare sul proprio sito alcuni principi fondamentali per trasportare in sicurezza i bambini. Tra questi ricordiamo:

  1. MAI DISTRARSI CON MINORI A BORDO: un incidente su sei è causato da disattenzioni soprattutto legate all’utilizzo del telefono. Mani sul volante e occhi alla strada, dunque, specie se si hanno minori a bordo: una sterzata all’ultimo momento o un tamponamento in città potrebbero avere conseguenze anche gravi su bambini piccoli.
  2. SE PIANGE, LASCIALO LEGATO: se il neonato piange e siete soli in macchina, accostate appena potete e verificate che non abbia bisogno di essere cambiato, nutrito o altro. I bimbi tra i 2 e i 4 anni, invece, si rilassano e si addormentano in macchina, ma non prestate troppa attenzione alle loro proteste se siete alla guida da soli. Mai lasciare le mani sul volante o voltarsi se i bambini chiedono qualcosa, piuttosto sfruttare invece lo specchietto retrovisore per guardarli.
  3. MUSICA E GIOCHI PER CALMARLI: è bene avere in macchina un cd con le canzoncine preferite dei bambini. Se dovete affrontare un viaggio lungo senza nessun altro adulto oltre a voi alla guida, meglio dare ai bimbi anche dei giochini: pelouche, libretto o altro. Fatelo prima di partire, posizionando i giochi vicino al loro sedile, di modo da non dover subire le loro continue richieste durante il viaggio.
  4. ATTENZIONE AL CIBO: far mangiare i bambini in macchina può essere pericoloso, soprattutto in caso di incidenti o semplici frenate brusche. C’è il rischio di soffocamento. E’ preferibile farli mangiare, e bere, a macchina ferma, ma sempre legati.
  5. CHIUDERE LE PORTE: sembra scontato, ma è fondamentale chiudere tutte le portiere con la chiusura centralizzata, evitando che accidentalmente il bambino possa aprirle in corsa.