Non è chiaro esattamente quando il fatto sia avvenuto su quella lunga tratta che da Milano attraversa la Martesana, transita per Treviglio, Chiari, Brescia, Desenzano e Verona per poi perdersi nel Nord Est per raggiungere in oltre quattro ore la lontana Trieste. Che la cosa si diventata virale era però ampiamente prevedibile: sì perché sul Frecciarossa Milano-Trieste una signora s’è rifiutata di stare accanto a una ragazza di origini straniere: ha detto “Vicino a una negra non ci sto”, si è alzata e ha cambiato posto sul treno.

“Vicino a una negra non ci sto”

La vittima incolpevole di quest’ultimo gesto di razzismo si chiama Shanti ed è una ragazza di 23 anni di origini indiane. A dar risalto alla notizia è stata però la madre adottiva, Paola Crestani, che nel capoluogo lombardo dove vive (e da cui la giovane è partita in treno alla volta di Trieste) è presidente del Centro Italiano Aiuti all’Infanzia, associazione che si occupa di difendere i diritti dei minori.

Inquietante caso fotocopia

Coincidenza vuole che il caso italiano sia praticamente la fotocopia di un altro recentissimo fatto divenuto virale sul Web a livello internazionale. Teatro stavolta un volo Ryanair in partenza da Barcellona e diretto a Londra, dove un uomo ha iniziato a sbraitare contro una donna di origini giamaicane.

Leggi anche:  Villasanta, ecco la squadra del sindaco Ornago