Allarme fortunatamente rientrato a Dervio. Lo riporta GiornalediLecco.it. Tutti gli 800 sfollati possono tornare a casa. Ripresa la circolazione dei treni.

Allarme rientrato nel Lecchese

Dopo il via libera concesso dalla Prefettura il sindaco Stefano Cassinelli annuncia che tutti gli 800 sfollati possono rientrare nelle proprie abitazioni.

“Abbiamo già avviato i bus per andare a prendere le persone che avevano trovato ospitalità a Bellano e a Colico” spiega il primo cittadino. Tutte le abitazioni sono considerate agibili. ” Senza dubbio ci saranno dei disagi a partire dalla mancanza di corrente elettrica, ma tutti possono tornare a casa”. Questo significa soprattutto che la situazione della diga di Pagnona, che per tutta la giornata ha tenuto i derviesi con il fiato sospeso, è sotto controllo e non desta più preoccupazione. Non solo ma la Provincia di Lecco annuncia anche che è in fase di riapertura anche la Strada provinciale 72 del Lago.

GUARDA FOTO E VIDEO SU GIORNALEDILECCO.IT

Il Ministro vuole chiarimenti

Intanto il Ministro Danilo Toninelli che per tutta la giornata di oggi ha seguito l’evolversi della situazione della diga di Pagnona ha chiesto chiarimenti.

“In merito all’evento in questione la direzione generale competente del Mit ha inviato all’Enel, gestore della diga, una missiva in cui si chiede con urgenza una relazione sugli eventi e i danni riportati all’impianto, nonché di trasmettere le ricevute di consegna dei messaggi di allertamento inviati, o di motivare le ragioni delle mancate comunicazioni previste dal Documento di Protezione Civile (DPC)” si legge in una ufficiale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti riportata dai nostri colleghi lecchesi. QUI ULTERIORI DETTAGLI

Leggi anche:  Anziana colta da grave malore in strada
foto da Facebook

Circolazione ferroviaria ripresa

Sul fronte ferroviario è ripresa alle 19.00 la circolazione dei treni con riduzione precauzionale della velocità fra Dervio e Bellano, linea Lecco-Tirano/Chiavenna, sospesa dalle ore 10.15 di questa mattina per le abbondanti precipitazioni che si sono abbattute in Valtellina.

LEGGI ANCHE: Lido di Novate devastato dall’acqua VIDEO ESCLUSIVI

In totale sono rimasti coinvolti 34 treni regionali: 13 limitati nel percorso e 21 cancellati. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) hanno monitorato l’evolversi della situazione, con personale dedicato all’emergenza, per l’intera durata dell’interruzione. Non pochi i disagi subiti dai pendolari, costretti a viaggiare pigiati, e a volte seduti anche per terra, sui bus sostitutivi Ma fortunatamente la situazione sta tornando lentamente alla normalità.

Tutti gli aggiornamenti, i video e le foto sui nostri portali che hanno seguito in tempo reale la situazione:

WWW.GIORNALEDILECCO.IT

WWW.GIORNALEDISONDRIO.IT

WWW.GIORNALEDICOMO.IT