Canto di Natale in arabo a scuola: è polemica a Biassono alla primaria Aldo Moro. Il caso ovviamente ha aperto un dibattito sui social.

Canto di Natale in arabo a scuola

Una canzone con parole in arabo insegnate ai bambini e scoppia la polemica alla scuola Aldo Moro. La scelta fatta dagli insegnanti per lo scambio di auguri natalizio non è piaciuta a qualche genitore che ha sollevato il caso rivolgendosi al nostro Giornale.

Il servizio completo sul Giornale di Carate in edicola oggi, martedì 11 dicembre 2018.

LEGGILO ANCHE NELLA VERSIONE SFOGLIABILE ONLINE!
SUL PC CLICCA QUI: http://edizionidigitali.netweek.it/dmedia/books/carate/2018/20181211carate/index.html#/

La vicenda commentata sui social

Il caso ovviamente ha aperto un dibattito sui social. Sul gruppo Facebook “Sei di Biassono se…gruppo alternativo” nelle ultime ore sono stai tantissimi i genitori e non che hanno voluto commentare la vicenda.

“Non vedo dove sia il problema” scrive un utente del gruppo.

“Il problema purtroppo è che Biassono è un paese razzista. Comunque complimenti alla Aldo Moro che è uscita dagli stereotipi e ha finalmente dato un esempio a tutto il paese …. in fondo la scuola ha il dovere di combattere l’ignoranza!” ribatte un altro.

Leggi anche:  Podiste soccorrono un uomo colto da malore

Ma c’è anche chi la pensa diversamente “Il Natale è una festa CRISTIANA. Le nostre tradizioni. Che c’entra l’arabo?” scrive un altro compenente del gruppo facebook.

Insomma il dibattito è acceso e probabilmente si continuerà a parlarne anche nei prossimi giorni.

A Rivolta il caso dei bimbi ritirati da scuola

Ma non è l’unico caso ad aver scatenato polemiche nelle ultime settimane.

Ad esempio a Rivolta ha fatto notizia la querelle tra un papà musulmano e i dirigenti di una scuola materna. Il padre dei due bimbi li aveva ritirati da scuola perchè aveva saputo che i piccoli, tre e sei anni, avevano dovuto partecipare all’ora di religione (mentre negli anni scorsi era stato concesso loro di svolgere altre attività).

LEGGI DI PIU’ SU GIORNALE DI TREVIGLIO

La questione nelle ultime ore sembra essersi risolta dopo un incontro tra lo staff della scuola e il padre dei due bambini. QUI LA NOTIZIA