Capodanno senza botti, il sindaco firma ordinanza.

No a botti, petardi e fuochi d’artificio

Niente botti, petardi e fuochi d’artificio nei luoghi pubblici o aperti al pubblico della città, in occasione dei festeggiamenti di Capodanno. Il primo cittadino ha firmato l’ordinanza oggi nel tardo pomeriggio. L’ordinanza era stata sollecitata in vista di San Silvestro da Paolo Piffer (Civicamente), Enpa e Movimento Animalista oltre che dalle associazioni ambientaliste.

I divieti

Il provvedimento, che sarà tramesso alla Prefettura, al Commissariato di Polizia di Stato, al Comando gruppo carabinieri e alla Guardia di finanza per quanto di loro competenza – oltre che al Comando di Polizia Locale – scatterà da domani, domenica 30 dicembre, fino a tutto l’1 gennaio 2019 e riguarderà in particolare i seguenti luoghi della città, comprese le loro pertinenze: centro storico, Parco e Villa Reale compresi i giardini, l’ospedale, i centri ed istituti di cura e salute nella fascia entro 300 metri dagli ingressi, parchi e giardini entro 300 metri dagli ingressi, le aree mercatali nei giorni e nelle ore di svolgimento del mercato con estensione ai 150 metri dalla delimitazione dell’area, i luoghi di culto, luoghi di aggregazione e di ritrovo, pubblici esercizi entro 50 metri dagli ingressi.

Il commento di Allevi

“Anche quest’anno cerchiamo di limitare una tradizione pericolosa, ormai superata dai tempi. Il bollettino di guerra della notte di San Silvestro spesso riguarda i minori, più esposti a disattenzioni che rischiano di costare care –  spiega il sindaco Dario Allevi – Penso inoltre anche agli amici a quattro zampe e alla tutela della loro salute: credo sia giusto evitare anche a loro traumi inutili causati da esplosioni e scoppi”.

Leggi anche:  Allarme bomba in metro per una valigia sospetta FOTO

Fuochi d’artificio e impatto ambientale

Considerando anche le misure per il miglioramento della qualità dell’aria in Lombardia, l’ordinanza richiama anche l’impatto ambientale dei fuochi pirotecnici, con particolare riferimento al PM10. Nei giorni scorsi erano infatti scattate anche a Monza, e poi sospese per Natale, le misure temporanee antismog di primo livello.

Le sanzioni e i sequestri

L’ordinanza prevede per i trasgressori una sanzione amministrativa da 150 a 450 euro. Delle violazioni commesse dai minori risponderanno gli esercenti la potestà genitoriale. Inoltre, il provvedimento dispone il sequestro cautelare e la confisca dei prodotti e dei materiali pirotecnici e dei mezzi utilizzati per commettere la violazione. Per la notte di San Silvestro, il Comando di via Marsala ha raddoppiato gli agenti in servizio nelle pattuglie esterne, per un maggiore presidio del territorio.