Chi era Dina Mapelli, uccisa dal marito a Vimercate. La donna, 77 anni si è spenta ieri all’ospedale di Monza. Era arrivata in condizioni disperate dopo che il marito l’aveva presa a coltellate in casa.

Chi era Dina Mapelli, uccisa dal marito a Vimercate

Dina Mapelli la conoscevano tutti in via Pellizzari a Vimercate. E anche a Ruginello dove da anni faceva la volontaria alla casa di riposo San Giuseppe oltre che far parte del coro. Ma nessuno riesce a spiegarsi cosa abbia portato il marito Luigi Maiocchi di anni 81, ieri mattina, a colpirla con diverse coltellate lasciandola in fin di vita riversa sul pavimento di casa.

Una tragedia inspiegabile

Una tragedia ancora inspiegabile dunque, quella avvenuta intorno alle 9.30 al civico 40. Di certo c’è che i vicini proprio a quell’ora hanno iniziato a sentire delle urla provenire dall’appartamento della coppia di anziani. Urla che hanno messo in allerta i residenti che hanno chiamato subito il 118. Quando l’ambulanza e i Carabinieri sono arrivati sul posto hanno trovato Luigi Maiocchi che stava uscendo di casa sporco di sangue e che nel frattempo aveva ferito anche anche vicina di casa, probabilmente intervenuta per soccorrere la conoscente. L’uomo è stato subito fermato dai militari e portato in caserma per essere interrogato. Al momento si trova in carcere a Monza in attesa della convalida dell’arresto con l’accusa di omicidio volontario.

La scientifica al lavoro

Sul posto sono arrivati diversi minuti dopo i Carabinieri della scientifica per effettuare i rilievi all’interno dell’abitazione e trovare qualche ulteriore indizio per ricostruire l’accaduto. Il coltello trovato accanto al corpo della 77enne è stato sequestrato. La scientifica ha lavorato per tutto il pomeriggio setacciando completamente l’abitazione e il balcone esterno: solo alle 16 i Carabinieri hanno lasciato l’appartamento e posto i sigilli sulla porta di casa.

Leggi anche:  Arrestato Orrigoni, patron Tigros. Gli avvocati: "Fiducia nella magistratura"

uccisa dal marito

Dina Mapelli si è spenta al San Gerardo nel primo pomeriggio di ieri dopo i disperati tentativi da parte dei medici di salvarle la vita. La vicina di casa ferita, fortunatamente, non è in pericolo di vita. Si è salvata perchè si è messa le mani sul volto e sul petto per ripararsi dall’aggressore.
Nelle prossime ore si cercherà di far luce sulle motivazioni che hanno portato Maiocchi, ex dipendente della Telettra di Vimercate, a questo estremo gesto.

Vicini increduli

Anche i vicini non si capacitano di quanto accaduto: “Era una coppia tranquilla. mai sentito un diverbio tra di loro” – ha raccontato ieri una conoscente.

La sua passione per gli anziani e per il coro

Dina aveva iniziato a frequentare il centro San Giuseppe quando andava a trovare la madre ospite della struttura. Dopo la scomparsa della mamma aveva continuato la sua attività entrando a far parte del coro che spesso intratteneva i presenti e si esibiva anche in giro. Gli amici del coro l’hanno vista l’ultima volta venerdì quando con loro è andata a cantare agli orti di Oreno.

Sul Giornale di Vimercate in edicola da oggi martedì 2 ottobre le foto e approfondimenti esclusivi