“Inaccettabile la scelta della Giunta sulla mensa della scuola di Tregasio”. Il Comitato Genitori e Cittadini in difesa della scuola di Tregasio replica alle affermazioni dell’Amministrazione comunale in merito alla mensa della scuola primaria Falcone della frazione.

“Inaccettabile la scelta della Giunta”

“Locale mensa della scuola di Tregasio: da favola! Dice un vecchio proverbio cinese : quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito. Non ritenendo di aver scritto in modo difficile o scorretto o poco chiaro, sapendo di non aver a che fare con persone non preparate, l’unica spiegazione è che si è voluto appositamente e maliziosamente cercare di far cadere l’attenzione dei più sul dito (la mensa) cercando di distogliere l’attenzione dal vero obiettivo e cioè la luna (la scuola intesa a 360 gradi, l’istruzione, il futuro dei nostri figli). Questo forse con l’arrogante convinzione di avere a che fare con lettori di scarsa intelligenza o con poco spirito di osservazione, quasi fosse facile ottenere il risultato cercato.

Da sempre, in ogni comunità, la scuola coinvolge e stimola l’attenzione dei genitori attenti ai luoghi deputati alla formazione, alla crescita e alla educazione dei propri figli, da ogni punto di vista. Nel solco di questa tradizione si ha come ovvio obbiettivo il miglioramento di tutte le strutture e attività dove i propri figli, futuri cittadini, approcciano il proprio percorso di vita.

E’ naturale quindi l’interesse suscitato dalla notizia della eliminazione delle risorse per il rifacimento della mensa della scuola di Tregasio, non tanto per l’oggetto specifico vittima di questo taglio (dito), ma per l’ambito generale (luna) di cui fa parte. Notizia per di più giunta inaspettata e senza alcun tipo di coinvolgimento, discussione, informazione e preavviso, alla faccia delle tanto proclamate trasparenza e partecipazione!

L’Amministrazione comunale ha comunicato che la volontà di non realizzare la nuova mensa deriva dal fatto che gli interventi eseguiti sul locale mensa esistente, avrebbero risolto i problemi. Ora a loro dire sarebbe a norma, perfettamente agibile, gradevole e funzionale come mostrano le immagini degli interni pubblicate sui social, dimostrative dell’ambiente gradevole e confortevole attualmente disponibile.

Leggi anche:  Seveso, scuola Toti: genitori con gli striscioni nel primo giorno alla Da Vinci

Certo, le attrezzature di servizio, ben allineate, a colori sgargianti, rendono gradevole l’immagine, ma non dobbiamo dimenticare che tutto ciò è posto all’interno di un locale mensa da sempre ritenuto precario e per il quale erano disponibili risorse per una nuova realizzazione.

Non riteniamo accettabile la dichiarazione dell’Amministrazione comunale in cui si afferma che gli interventi di riqualificazione e di messa a norma attuati hanno reso la struttura esistente assolutamente adatta allo scopo, ammettendo che per ottenere questo obiettivo sono stati spesi soldi per “rappezzi” che potranno solo nel breve periodo permettere al locale di essere dignitoso, senza la lungimiranza che dovrebbe avere un buon padre di famiglia e un buon governante.

Inoltre, alla presa di posizione del comitato ha fatto immediato seguito il comunicato stampa, per ribadire che le risorse di cui sopra sono state spostate verso altre necessità in quanto negli ambiti scolastici non vi è, al momento, alcuna necessità di intervento, visti gli importanti investimenti fatti con costanza in questi anni nei vari plessi. Prontezza del comunicato stampa, che fa seguito alla protesta da subito evidenziatasi, evidente conferma delle difficoltà di argomentare in modo chiaro e convincente, sia nel merito che nel metodo, relativamente ad una scelta che probabilmente si sperava potesse scivolare via inosservata.

Confermiamo con forza il giudizio critico già precedentemente espresso, ritenendo assolutamente inaccettabile la scelta operata da questa Giunta, sia per l’eliminazione delle risorse destinate all’intervento di rifacimento della mensa di Tregasio ma comunque per la diversa localizzazione delle stesse, che dovrebbero rimanere allocate nel comparto scuola, a prescindere”.