Due eventi per ricordare il 30esimo della caduta del Muro di Berlino

In occasione del 30esimo anniversario della caduta del Muro di Berlino l’associazione culturale Mnemosyne e la Casa della Poesia – col patrocinio del Comune di Monza – hanno organizzato una manifestazione suddivisa in due eventi. Il primo appuntamento è per giovedì alle 21 in Sala Maddalena con la conferenza Il ruolo dell’Alleanza Atlantica nella caduta del totalitarismo in Europa e le prospettive future.

Nella prima parte verrà proiettato un filmato dell’Istituto Luce con la regia del documentarista Folco Quilici che racconta la fondazione della Nato, il dibattito nel Parlamento italiano tra il 1947 – 49 per l’adesione all’Alleanza Atlantica ed il ruolo dell’organizzazione negli anni della guerra fredda e nella dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Nella seconda parte, invece, si affronteranno, con i relatori invitati, il ruolo della Nato e dei governi occidentali nella fine dei regimi comunisti in Europa, le prospettive future, approfondendo i rapporti con la Russia, con la Cina, con la Turchia e le tesi di revisione della Nato formulate dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Leggi anche:  Due viti di metallo nel piatto di riso servito in mensa a scuola

E’ previsto l’intervento di Stefania Craxi, vicepresidente Commissione Affari Esteri del Senato, Giorgio Cella, ricercatore all’Università Cattolica e analista geopolitico per Nato Defense College Foundation, Dario Rivolta, già vicepresidente Commissione Affari Esteri e Comunitari Camera dei Deputati

La rivolta in Ungheria

Il secondo appuntamento è per sabato alle 17.30, sempre in Sala Maddalena, con un’azione scenica dedicata alla rivolta in Ungheria del ‘68. Attraverso la proiezioni di immagini tratte dai cinegiornali dell’Istituto Luce e Tg Rai, l’esecuzione di musiche della tradizione classica e popolare dell’Est europeo e la lettura di testi degli insorti ungheresi e cecoslovacchi e di testimonianze dei giovani di Berlino est, verranno raccontati quegli aneliti di libertà che animarono i protagonisti delle rivoluzioni che condussero alla sconfitta del totalitarismo in Europa.

Verranno letti, inoltre, da due attori, passi tratti da articoli di Indro Montanelli (inviato a Budapest nel 1956) e da discorsi di Imre Nagy, Alexander Dubcek, Willy Brandt. Voci recitanti : Paola Perfetti e Ivan Ottaviani; Fisarmonica: Marco Valenti; Drammaturgia: Ettore Radice.