Epatite A a scuola, bambini e insegnanti si sono sottoposti alla profilassi di rito. A contrarre la patologia del fegato è stata una bambina iscritta alla scuola primaria di via Giovenzana, in centro a Casatenovo. Ed è quindi scattata la procedura di prassi.

Epatite a scuola, profilassi di massa

Nessuna emergenza, ma solo una procedura di rito. Avendo la piccola alunna contratto l’epatite di tipo A, è partita automaticamente la segnalazione all’Ats (ex Asl). E la scuola ha offerto ai genitori di sottoporre i loro figli alla vaccinazione per evitare eventuali forme di contagio. Le procedure di profilassi si sono concluse senza nessuna complicazione.

Quali sono le cause dell’epatite A

L’epatite A è una malattia acuta del fegato causata dal virus HAV. Nella maggior parte dei casi la malattia è dovuta al mancato rispetto di norme igieniche, con conseguente contaminazione fecale di cibi ed acqua: tra i possibili agenti patogeni contenuti nelle feci c’è infatti anche il virus HAV, responsabile di questa epatite.
Le cause più comuni di trasmissione sono quindi:

  • scarsa igiene personale delle persone coinvolte nella preparazione di cibi e pasti;
  • mangiare pesce crudo o poco cotto proveniente da acque inquinate da scolo fognario;
  • non lavarsi le mani dopo aver cambiato un pannolino e portarle inavvertitamente alla bocca;

Quali sono i sintomi

Il sintomo più frequente è l’astenia, cioè debolezza. Altri sintomi riferiti abitualmente sono: febbre, perdita di appetito, nausea, fatica, mal di testa, dolore muscolare, dolore addominale e ittero (cioè la comparsa di un colorito giallastro della cute e delle sclere oculari). I sintomi di solito spariscono spontaneamente in 2 mesi. Da notare che i bambini possono essere del tutto asintomatici. In genere la comparsa della malattia avviene in un periodo di tempo compreso tra le 2 e le 7 settimane dopo il contagio e la sintomatologia di solito è lieve.

Leggi anche:  Ubriaco al volante provocò la morte dell'amica: condannato a un anno e 9 mesi

Come si effettua la diagnosi

Attraverso un test del sangue. Se pensi di poter aver contratto l’epatite A dovresti eseguire una visita medica per un’accurata diagnosi. I sintomi dell’epatite A sono simili a quelli di altre malattie epatiche che possono essere potenzialmente gravi.

Come viene trattata

Di solito non si utilizzano medicinali per trattare l’epatite A in quanto, normalmente, i sintomi sono lievi e il sistema immunitario sconfigge il virus senza che vi sia bisogno di ricorrere a farmaci. A volte può comparire un leggero prurito diffuso su tutta la cute, che può però essere controllato con farmaci ad azione locale.

Le persone infette dall’epatite A dovrebbero però avere l’accortezza di ridurre l’attività quotidiana ed evitare sforzi fisici sia di tipo sportivo che lavorativo. Inoltre è opportuno seguire una dieta bilanciata abbondante di liquidi.

Va inoltre ricordato che durante l’epatite il fegato, in stato di sofferenza, non riesce a svolgere le sue funzioni in maniera ottimale pertanto potrebbe verificarsi una difficoltà a metabolizzare i farmaci, magari utili per il trattamento di altre patologie preesistenti.

Inoltre l’assunzione di alcol diminuisce ulteriormente la funzionalità epatica. Pertanto se hai l’epatite A dovresti evitare alcol e l’assunzione di farmaci (anche rimedi erboristici) senza l’autorizzazione del medico.