Il sindaco di Vimercate: “Nessuna retromarcia sull’ex ospedale”, ma il caso approda in Regione.

Con un comunicato il primo cittadino 5 Stelle Francesco Sartini ha detto la sua in merito al servizio pubblicato in esclusiva martedì dal Giornale di Vimercate. Servizio nel quale si dava conto, documenti alla mano, di uno stop all’Accordo di Programma e al Piano integrato di intervento per la riqualificazione dell’area ex ospedale. Stop al quale hanno fatto seguito lettere di protesta da parte del vicepresidente della Regione Fabrizio Sala e del direttore generale dell’Azienda socio sanitaria di Vimercate Nunzio Del Sorbo. Sala e Del Sorbo di fatto hanno richiamato l’Amministrazione comunale di Vimercate agli impegni presi in occasione di una riunione del Collegio di vigilanza, con tanto di verbale sottoscritto da Sartini) e poi rimessi in discussione al sindaco alcuni giorni dopo.

La posizione di Sartini

Secondo Sartini, però, non ci sarebbe stata alcuna retromarcia o stop al progetto

“Mi sento in dovere di intervenire – dichiara il Sindaco Sartini – perché la ricostruzione della situazione inerente il progetto ex ospedale riportata da un organo di stampa locale sull’edizione  è strumentale e scorretta. Prima di tutto perché ancora in queste ore il canale di collaborazione con ASST e Regione è aperto per la definizione dei passaggi tecnico giuridici necessari al raggiungimento dell’obiettivo, tutt’ora a portata di mano. In secondo luogo perché quella che viene presentata come una retromarcia del Sindaco di Vimercate semplicemente non lo è, trattandosi di un passaggio tecnico rispetto a elementi contenuti nei verbali e che necessitano di ulteriori chiarimenti.
L’accusa che il Sindaco di Vimercate abbia fermato il piano è inoltre tecnicamente assurda: è da sempre in capo agli operatori, infatti, il diritto di iniziativa e nessuno può togliere loro la possibilità di protocollare la proposta progettuale in conformità con quanto indicato nei verbali. Se non lo hanno fatto devono cercare le motivazioni prima di tutto al loro interno, non certo addossare in modo improprio e strumentale responsabilità al Comune”.

Il sindaco 5 stelle ricorda anche che ad aprile  pur dovendo prendere atto del fatto che nessuna proposta era stata protocollata dagli operatori entro i termini stabiliti e trovandosi quindi costretto a dichiarare chiuso l’iter di approvazione del Programma Integrato di Intervento, ribadiva la ferma volontà dell’Amministrazione di tenere fede agli impegni assunti con la sottoscrizione dell’Accordo di Programma, dichiarando di avere a questo scopo chiesto la convocazione urgente del Collegio di Vigilanza al fine di ricercare e condividere altre modalità di attuazione dell’Accordo stesso.

Leggi anche:  Diversi incidenti in Brianza: 7 persone in ospedale SIRENE DI NOTTE

L’intervento della Lega in Regione

Una situazione per nulla chiara, tanto che nella giornata di oggi, giovedì,  il consigliere regionale della Lega Alessandro Corbetta ha annunciato di aver presentato un interrogazione per chiedere che venga fatta la più presto chiarezza sulla vicenda.

“Scambi di accuse fra PD e cinquestelle, possibili divergenze a livello tecnico-istituzionale, rimpalli di responsabilità – afferma il consigliere Corbetta – Una cosa è certa: sull’ex ospedale di Vimercate va fatta al più presto la massima chiarezza. La via maestra per tutti deve essere la riqualificazione dell’area, altrimenti a farne le spese sono i cittadini di Vimercate. Si tratta di un’area di grande importanza  non solo per l’ampiezza ma anche per la sua posizione centrale nella città di Vimercate e sulla quale insistono tante aspettative da parte dei cittadini. Del futuro del vecchio ospedale se ne parla da tempo, con interlocuzioni fra Comune, ASST e Regione iniziate in maniera ufficiale circa 10 anni fa e che non hanno portato ancora a un accordo definitivo. Poiché da un lato sembrerebbe che l’amministrazione di Vimercate stia ponendo una serie di problematiche tali da compromettere la fattibilità dell’attuale Accordo di Programma mentre dall’altro lo stesso sindaco di Vimercate rigetta le accuse di voler fermare il piano di riqualificazione, credo che sia doverosa, in primo luogo nei confronti della cittadinanza, la maggior trasparenza su quanto sta succedendo”.

L’interrogazione all’assessore Gallera

“Per questo – conclude Corbetta – ho presentato oggi un’interrogazione all’assessore regionale Gallera che chiede non solo di fare chiarezza su quanto sta accadendo nei tavoli tecnici, ma anche di sapere in che modo si intendano superare le divergenze emerse fra Comune, Regione e ASST. L’obiettivo è quello di arrivare a una soluzione condivisa che permetta finalmente la riqualificazione dell’area dell’ex Ospedale di Vimercate: un intervento che i cittadini vimercatesi attendono ormai da fin troppo tempo”.